Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Aut Aut, dal laboratorio al lavoro grazie al digitale

Un trio d’avanguardia. Giovanni, Lorenzo e Andrea hanno trovato lavoro con la digitalizzazione. Inizieranno dopo l’estate e uno di loro è pronto a fare da tutor per formare possibili colleghi. Ognuno...

Un trio d’avanguardia. Giovanni, Lorenzo e Andrea hanno trovato lavoro con la digitalizzazione. Inizieranno dopo l’estate e uno di loro è pronto a fare da tutor per formare possibili colleghi. Ognuno ha trovato sostegno e autonomia grazie ad Aut Aut. L’associazione segue circa cento ragazzi con «condizioni di vita permanenti», come le definisce il presidente Erika Coppelli. Hanno diverse forme di autismo, non desiderano essere etichettati, ma mettere a frutto e servizio i propri talenti. Una ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Un trio d’avanguardia. Giovanni, Lorenzo e Andrea hanno trovato lavoro con la digitalizzazione. Inizieranno dopo l’estate e uno di loro è pronto a fare da tutor per formare possibili colleghi. Ognuno ha trovato sostegno e autonomia grazie ad Aut Aut. L’associazione segue circa cento ragazzi con «condizioni di vita permanenti», come le definisce il presidente Erika Coppelli. Hanno diverse forme di autismo, non desiderano essere etichettati, ma mettere a frutto e servizio i propri talenti. Una soluzione l’hanno sperimentata con un laboratorio nella sede di Cognento. Per quattordici ore hanno partecipato a lezioni teoriche e pratiche su come trasferire le informazioni dalla carta al digitale. Non semplici scansioni, bensì procedure più complicate. «Al rientro dell’estate inizierà per loro il percorso con i veri faldoni di documenti - ha assicurato ieri Matteo Fantuzzi della società a responsabilità limitata Tel&Co - da cui togliere le graffette, interpretare, scansionare e nominare. È una prospettiva lavorativa molto concreta». La società ha fornito supporto gratuito al progetto, realizzato con una donazione di circa 4mila euro dal Rotary Club Castelvetro di Modena. Le risorse hanno permesso l’acquisto di materiali e mezzi. Fantuzzi ha svolto il ruolo di docente, supportato dal tecnico Alberto Gatti e dall’educatrice Giada Cavazza. «Le aziende oggi vanno in crisi per digitalizzare i documenti - ha spiegato Francesco Pozzi, presidente del Rotary Club - perché è difficile una completa archiviazione in totale autonomia». Autonomi come i 24 giovani coinvolti in Casa & Bottega, progetto de Il Tortellante (spin-off di Aut Aut). Da ottobre i cuochi potranno mettersi alla prova all’ex mercato di via Ciro Menotti. Rimarranno così libere due stanze della sede cognentese. Una sarà dedicata al laboratorio di digitalizzazione, l’altra a un progetto dell’associazione ancora da individuare. Domani dalle 18 porte aperte per conoscere Time Out con “Aperitivo d’inizio estate” con clown, gastronomie e musica dal vivo. (g.f.)