Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Nonantola. Flauto? Non se ne può più Idea: suoniamo l’ukulele...

Succede a Nonantola, ci sono corsi e testi per imparare: anche a scuola Meno costosa e più facile della chitarra. Non è alternativa a canto, anzi

Quando, in un luminoso mattino dei primi anni del secolo XIX, in una piantagione di canna da zucchero nei pressi di Honolulu, uno sciamano hawaiano decise di battezzare “ukulele” quella piccola chitarra con sole quattro corde, nessuno avrebbe potuto immaginare il successo planetario del nome e dello strumento medesimo.

Dici ukulele e subito pensi alle Hawaii, alle palme, all’estate. Merito di un piccolo strumento che ha nella semplicità di uso e nella facilità di trasporto la ricetta del suo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Quando, in un luminoso mattino dei primi anni del secolo XIX, in una piantagione di canna da zucchero nei pressi di Honolulu, uno sciamano hawaiano decise di battezzare “ukulele” quella piccola chitarra con sole quattro corde, nessuno avrebbe potuto immaginare il successo planetario del nome e dello strumento medesimo.

Dici ukulele e subito pensi alle Hawaii, alle palme, all’estate. Merito di un piccolo strumento che ha nella semplicità di uso e nella facilità di trasporto la ricetta del suo successo e i semi di una piccola grande rivoluzione, che ormai riguarda sempre più da vicino anche i più piccoli, data la sua crescente diffusione nelle scuole e nei corsi di musica per giovanissimi.

Ma facciamo un passo indietro: i coloni portoghesi avevano portato oltreoceano, nelle loro colonie e nelle isole del Pacifico le loro canzoni, tradizioni e strumenti. Tra questi il cavaquinho, una piccola chitarra con sole quattro corde, tuttora diffusissima nella musica popolare brasiliana. Gli hawaiani cambiarono le corde (dal metallo al più dolce nylon), l'accordatura e giustamente a quel punto, il nome.



Ukulele in lingua hawaiana significa “pulce saltellante”, proprio per la brillantezza e l'agilità del suono.

Ha una serie di innegabili pregi: è più accessibile di una chitarra, sia come prezzi che come maneggiabilità e adattabilità alle mani più piccine, si presta a diversi generi e soprattutto si impara facilmente. Certo, ci sono i virtuosi come Jake Shimabukuro o James Hill, ma la loro presenza dimostra solo che - imparato a fondo - è uno strumento vero, non un giocattolo. A voi non serve impararlo. Serve strimpellarlo.

Molti didatti e musicisti ne propongono l'adozione nelle scuole (come a Nonantola) al posto del tanto vituperato (e spesso, a onor del vero, inascoltabile) flauto dolce. Il fatto è che l’ukulele è proprio fatto per accompagnarsi e cantare. Il flauto dolce, per definizione, è alternativo al canto. Per la formazione dell’orecchio e delle attitudini musicali, quindi, l’ukulele vince a mani basse il confronto.

I passi avanti si fanno anche grazie all’editoria di qualità. È uscito per esempio lo scorso anno per Curci il libro “Iniziamo presto con l’ukulele” che raccoglie e condivide la preziosa esperienza dell’associazione Oltremusica, che ha utilizzato lo strumento come “portatore sano di socialità e benessere” sia con i bimbi sia con gli adulti.



E anche nel nostro territorio le iniziative non mancano. Tra gli altri, a Nonantola oltre ai corsi delle le Officine Musicali è andata in scena proprio due giorni fa la Sonic Uke Orchestra dimostrando una volta di più come l’ukulele è talmente versatile da poter eseguire nello stesso concerto composizioni di Lennon-McCartney e di Edward Grieg.

Scommettiamo che se prendete in mano un ukulele, o lo regalate al vostro bimbo, nel giro di un’ora sia lui che voi sapete strimpellare il giro di do, con cui notoriamente si possono eseguire centinaia di canzoni?A quel punto, vi sarà difficile lasciarlo a casa, quando finalmente partirete per le vacanze.

A proposito, buone vacanze a tutti!

Cristiano ZioBurp Callegari

Esploratore Musicale