Quotidiani locali

Modena, Fondazione Neri, si va avanti: via Tesauro ecco la Borellini

Nessun tentativo di ricucitura dopo le polemiche dimissioni del presidente, al suo posto ex dirigente della Provincia. Muzzarelli: «Farà chiarezza su tutto»

MODENA. Poche ore dopo le dimissioni di Mauro Tesauro dalla presidenza della Fondazione San Filippo Neri la Provincia nomina una nuova numero uno.

Si tratta di Luciana Borellini, laurea in pedagogia, 66enne dirigente in pensione del medesimo ente provinciale presieduto dal sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli. Il nuovo presidente giunge appena sei mesi dopo l’assunzione dell’incarico - gratuito, con gettone di presenza - da parte di Tesauro e dal cda che invece non si è dimesso. Restano così in carica Emanuela Maria Carta, Roberto Cavicchioli, Elena Gazzotti e Aurelia Mariotti che dureranno per quattro anni. Tutto risolto? Non pare proprio, nell’antico ente di via Sant’Orsola che gestisce un vasto patrimonio comprendente una residenza universitaria, un ostello da 80 posti letto, la scuola di specializzazione sulla sicurezza informatica di Unimore, uno studentato per giovani delle scuole oltre a posti per l’accoglienza di stranieri minorenni.



Ieri il presidente Muzzarelli non si è limitato a poche frasi di circostanza, chiedendo di fare luce sui fatti: «Il compito della nuova presidente è anche verificare gli aspetti gestionali sui quali si era concentrata l’attenzione di Tesauro, che ringrazio per il lavoro svolto in questi mesi, continuando ovviamente a garantire l’operatività dell’ente che non è mai venuta meno».

Da spiegare pare esserci però molto di più, visto che Tesauro ha parlato di “inadeguatezza gestionale grave e diffusa” spalancando dunque una voragine tra sé e la direttrice della Neri Cristina Cavani, numero uno operativo della fondazione e allo stesso tempo tesoriere del Pd Modena. La dirigente - in carica a tempo indeterminato dal 2008 - anche ieri si è trincerata nel silenzio e ha deciso di non parlare. Restano dunque le “voci” provenienti dall’interno che parlano di un ruolo non meglio chiarito tra la Fondazione e l’associazione SFN International che ha sede nel medesimo indirizzo della Neri.

Quest’ultima è presieduta da Teresa Raimondi (a seguito di questa nomina la dirigente è poi entrata anche in Fondazione), responsabile personale della Fondazione mentre la vice è la stessa direttrice Cavani.

Sono molti i commenti, dopo i primi di ieri della Lega oggi interviene ArticoloUno-Mdp: «Apprendiamo, non senza sconcerto, delle dimissioni di Tesauro, il cui operato giudichiamo essere stato un atto coraggioso e di buona etica pubblica. Tesauro parla di inadeguatezza gestionale grave e diffusa, obiettivamente gravi. Crediamo sia doveroso che vengano chiariti al più presto e nella massima trasparenza, i contorni di questa vicenda, sgombrando il campo da qualsiasi dubbio». Sul fronte del personale tra direzione e Cgil scuola c’è un confronto in atto: «Ci sono situazioni di criticità con alcuni dipendenti - spiega Claudio Riso, segretario FLC Cgil - ma come avviene anche altrove. Abbiamo incontrato la direzione dell’ente”. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro