Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il Corteo Matildico porta a Frassinoro centinaia di turisti

La tournée nelle terre della Badia ha vivacizzato le frazioni Mercato medievale e figuranti. Il sindaco: «Volontari super»

FRASSINORO. Un’edizione in crescendo con lo sguardo rivolto al 2019. La 19esima Settimana Matildica ha regalato centinaia di presenze a Frassinoro e alle sue frazioni. La novità di quest’anno, infatti, è rappresentata dal fatto che “Matilde va in tournée nelle terre della Badia”. Così gli organizzatori del Comitato Medioevo e Matilde hanno definito il ciclo di spettacoli, racconti e aperitivi. A Sassatella, ad esempio, c'è stata la lettura di racconti leggendari dedicati al pomeriggio ai bam ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

FRASSINORO. Un’edizione in crescendo con lo sguardo rivolto al 2019. La 19esima Settimana Matildica ha regalato centinaia di presenze a Frassinoro e alle sue frazioni. La novità di quest’anno, infatti, è rappresentata dal fatto che “Matilde va in tournée nelle terre della Badia”. Così gli organizzatori del Comitato Medioevo e Matilde hanno definito il ciclo di spettacoli, racconti e aperitivi. A Sassatella, ad esempio, c'è stata la lettura di racconti leggendari dedicati al pomeriggio ai bambini e alla sera (con qualche brivido) agli adulti, in una suggestiva cornice. E poi a seguire a Fontanaluccia (con spettacolo comico che ha visto Matilde in veste di ragazza ribelle che rifiuta un matrimonio combinato) e Rovolo (tra racconti e gli antichi balli dell'Appennino emiliano).

Frassinoro: la magia della Settimana Matildica



La roccaforte della manifestazione nel capoluogo è stata posta invece al borgo di Casa Giannasi. Come da tradizione, il paese ha potuto compiere un balzo indietro nel tempo. Un piede, tuttavia, è rimasto saldamente ancorato al presente. Il tema scelto per il 2018 era “Epica Epoca Matildica – Racconti e leggende tra vero, falso e meraviglioso”. Le notizie false o fake news che costituiscono parte integrante nel dibattito culturale odierno sono state così trasposte in chiave medievale. Allo stesso modo, il format dei processi celebrati talvolta in televisione è stato trasposto all’Aia dei Ceschi riscoprendo un caso di quasi un millennio fa. Sabato sera il professor Paolo Golinelli ha esposto i fatti de “La vita Mathildis: verità o finzione? Processo a Donizone”.

Il fascino del Corteo Matildico a Frassinoro

L’imputato era accusato di falsità verso la protagonista dell’evento e i suoi antenati, di calunnie verso Enrico IV e d’inganno. I componenti della giuria erano i partecipanti del pubblico all’incontro. Un’altra innovazione in un formato collaudato nel quale soltanto il tempo resta un possibile ostacolo. La prima domenica, infatti, le precipitazioni hanno messo in crisi il mercato medievale, impedendo al primo fine settimana di raggiungere cifre da record. La riscossa è giunta lo scorso weekend, quando le condizioni atmosferiche favorevoli hanno contribuito al buon finale. «La piazza sotto il castello era piena - ha riconosciuto il sindaco Elio Pierazzi - e ancora il mercato era funzionante. Desidero ringraziare tutti i volontari che hanno contribuito alla sicurezza e gli organizzatori che hanno allestito gratuitamente la manifestazione». La sicurezza è un elemento chiave dopo la circolare Gabrielli. «Resta la difficoltà della mancanza di organico nella Polizia Municipale - ha ripreso Pierazzi - anche se il Comune di Maranello ha mandato due agenti che sono stati molto utili: vedere personale in divisa aiuta». I laboratori per bambini, gli incontri culturali alla Piazza Incontro di via Roma, le esibizioni di falchi e di fuoco, di arcieri e armigeri sono alcune frecce nella faretra del Comitato che potranno essere scoccate il prossimo anno per quella che si prevede l’edizione del ventennio. «Dobbiamo fare riflessioni per migliorare i punti che riteniamo critici - ha concluso il sindaco - e inizieremo a farlo a settembre e ottobre».