Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Palagano. Migliaia di “cowboy” ospiti al Savoniero festival country

Migliaia di persone, una marea di cappelli da cowboy, band dalle scene Usa, cucina tipica e un’organizzazione rodata.

PALAGANO. Migliaia di persone, una marea di cappelli da cowboy, band dalle scene Usa, cucina tipica e un’organizzazione rodata: venerdì tutti questi ingredienti si sono mescolati, dando vita al Savoniero Country Festival. L’evento ha confermato la propria enorme fortuna e a farne il bilancio è il sindaco Fabio Braglia: «La festa ha dimostrato di nuovo di portare migliaia di persone in una piccola frazione, che è ormai capitale italiana del country. È un evento emozionante per tanti aspetti, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PALAGANO. Migliaia di persone, una marea di cappelli da cowboy, band dalle scene Usa, cucina tipica e un’organizzazione rodata: venerdì tutti questi ingredienti si sono mescolati, dando vita al Savoniero Country Festival. L’evento ha confermato la propria enorme fortuna e a farne il bilancio è il sindaco Fabio Braglia: «La festa ha dimostrato di nuovo di portare migliaia di persone in una piccola frazione, che è ormai capitale italiana del country. È un evento emozionante per tanti aspetti, ma vorrei evidenziare la capacità che hanno gli organizzatori di coinvolgere giovani ed adulti, facendoli collaborare per un unico obiettivo: offrire divertimento agli altri. Ci tengo a sottolinearlo, perché Palagano e le sue frazioni sono anche questo: una comunità che con il volontariato crea eventi speciali. La Polisportiva di Savoniero, guidata dai fratelli Albicini, è una di queste realtà; a loro e a chi ha lavorato va un immenso grazie. Dimostrano che con buone idee, con il lavoro e facendo rete, si può portare molta gente in Appennino». —

ANDREA FRATTI .