Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Rave party abusivo lungo il Panaro nei pressi di Marano. Arresti e denunce

Circa 600 giovani provenienti da tutta Italia si sono dati appuntamento nel luogo a ridosso del fiume per una notte di musica. La riunione non era autorizzata. I carabinieri sono intervenuti e hanno bloccato le vie di accesso, rispedendo indietro centinaia di aspiranti partecipanti.

PAVULLO. E' stata una notte movimentata per i carabinieri di Pavullo, supportati da colleghi delle altre stazioni provinciali, per cercare di limitare e controllare lo svolgimento di un rave party non autorizzato che ha preso il via sabato sera lungo la fondovalle. Il bilancio parla chiaro: due arresti, sei denunce e dodici persone segnalate alla prefettura di Modena per uso di stupefacenti.

Sono le prime conseguenze del rave party non autorizzato che la notte scorsa ha richiamato a Marano su ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PAVULLO. E' stata una notte movimentata per i carabinieri di Pavullo, supportati da colleghi delle altre stazioni provinciali, per cercare di limitare e controllare lo svolgimento di un rave party non autorizzato che ha preso il via sabato sera lungo la fondovalle. Il bilancio parla chiaro: due arresti, sei denunce e dodici persone segnalate alla prefettura di Modena per uso di stupefacenti.

Sono le prime conseguenze del rave party non autorizzato che la notte scorsa ha richiamato a Marano sul Panaro, in provincia di Modena, oltre seicento persone provenienti da diverse regioni.

Il raduno, che si è concluso nella serata di domenica, è stato da subito monitorato dai carabinieri di Pavullo, che hanno arrestato un 25enne modenese senza fissa dimora perchè trovato con 30 dosi tra cocaina, hascisc e Mdma. Un 41enne originario di Napoli, ma residente a Ravenna, è invece finito in manette per aver forzato uno dei posti di blocco dei carabinieri, rischiando anche di investire due militari.

Ne è nato un inseguimento a conclusione del quale il 41enne è stato arrestato per resistenza aggravata e continuata, denunciati gli altri sei occupanti del camper.

Bloccando gli accessi a ridosso del fiume Panaro, i carabinieri hanno infine trovato una dozzina di persone con in tasca della droga. Alle prima luci dell'alba di oggi cominciato, lentamente, il deflusso, non ancora terminato.