Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Rogo nell’azienda Cremonini distrugge deposito e trattori

Residenti allarmati dal boato di una bombola a gpl Brucia anche una legnaia I pompieri in forza salvano la vicina abitazione

SOLIERA

Un boato pazzesco per lo scoppio di una bombola a gpl che era sotto un furgone all’interno di un deposito attrezzi dell’azienda agricola Cremonini che è andato completamente bruciato.

Potrebbe essere questa la causa del rovinoso incendio divampato ieri, intorno alle 10.30, nell’edificio di grandi dimensioni che si trova in una laterale ghiaiata sulla Nazionale per Carpi, in zona appalto di Soliera. Poco dopo la ditta Duna Corradini.

E sono stati proprio alcuni residenti, allarmati dal ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SOLIERA

Un boato pazzesco per lo scoppio di una bombola a gpl che era sotto un furgone all’interno di un deposito attrezzi dell’azienda agricola Cremonini che è andato completamente bruciato.

Potrebbe essere questa la causa del rovinoso incendio divampato ieri, intorno alle 10.30, nell’edificio di grandi dimensioni che si trova in una laterale ghiaiata sulla Nazionale per Carpi, in zona appalto di Soliera. Poco dopo la ditta Duna Corradini.

E sono stati proprio alcuni residenti, allarmati dallo scoppio, ad allertare i pompieri. Sul posto si sono così portati i vigili del fuoco di Carpi e di Modena con quattro mezzi : hanno provato per più di un’ora a domare l’incendio che si era ormai propagato ovunque, fortunatamente senza intaccare la vicina abitazione.

Ad alimentare le fiamme la copertura in legno del deposito, andata perduta, come l’intero stabile. Il rogo oltre al furgone ha intaccato - carbonizzandoli - anche altri tre mezzi agricoli che erano posteggiati all’interno: un trattore, una ruspa ed un muletto. Oltre ad aver creato danni strutturali ingenti al deposito di cui non resta che una gigantesca carcassa annerita dal fuoco.

Dentro alla struttura, in una superficie di svariate centinaia di metri, c’era anche legna accatastata da ardere in abbondanza che ha favorito ulteriormente il propagarsi delle fiamme. Un fumo acre, visibile a distanza dalla strada Nazionale per Carpi, ma che per fortuna non ha intossicato nessuno come inizialmente si era temuto. Dentro allo stabile, infatti, al momento dello scoppio della bombola e del rogo non c’erano persone. Tant’è che non ci sono stati feriti, anche se per precauzione sono arrivate sul posto un’ambulanza del 118 e una della Croce Rossa.

Intervenuta anche G Distribuzione per staccare i quadri elettrici nel capannone. Ma saranno gli accertamenti dei vigili del fuoco a stabilire se lo scoppio della bombola è stata la causa scatenante del rogo. Durante l’incendio, inoltre, è stato smarrito un cane di razza border collie, appartenente a un confinante che lo sta cercando. —

VALENTINA CORSINI