Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ravarino, barista rapinata e malmenata da due banditi

Nuovo episodio dopo Camposanto: irruzione al “Dolce vita” di via Roma. La titolare: «Presa a calci e bottigliate», il testimone: «Un minuto di terrore»

RAVARINO. Rapinata e malmenata in pieno giorno davanti al figlio adolescente e a due clienti del bar.

È successo ieri alle 17.20 al bar “Dolce vita” di via Roma, in centro a Ravarino. Due uomini, poco più che ventenni, a volto scoperto, sono entrati nel locale puntando dritto verso la barista cinese che, in quel momento, era dietro al bancone, vicino alla cassa, con il figlio a pochi metri. I due, dall’aspetto caucasico, sono entrati contemporaneamente.

Uno ha gridato alla barista: “Questa è u ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

RAVARINO. Rapinata e malmenata in pieno giorno davanti al figlio adolescente e a due clienti del bar.

È successo ieri alle 17.20 al bar “Dolce vita” di via Roma, in centro a Ravarino. Due uomini, poco più che ventenni, a volto scoperto, sono entrati nel locale puntando dritto verso la barista cinese che, in quel momento, era dietro al bancone, vicino alla cassa, con il figlio a pochi metri. I due, dall’aspetto caucasico, sono entrati contemporaneamente.

Uno ha gridato alla barista: “Questa è una rapina, dammi i soldi”. L’altro ha fatto da palo per controllare che i due clienti e il figlio della titolare rimanessero fermi e non allertassero le forze dell’ordine.



Sulle prime la barista ha tentato di reagire opponendosi alla richiesta di denaro. Ma i banditi sono diventati violenti: «Sono entrati contemporaneamente, uno si è diretto al frigo dei gelati, l’altro ha scavalcato il bancone sferrandomi un calcio all’addome che fortunatamente mi ha solo sfiorata - ha raccontato, sotto choc, la barista - In quel momento mi sono come paralizzata. Il complice del bandito che ha scavalcato il bancone mi ha tirato addosso una bottiglia di plastica. Questo mentre l’altro prendeva velocemente le banconote dalla cassa. Il tutto sarà durato un minuto, ma quegli attimi mi sembravano eterni».

«Abbiamo paura, abbiamo sentito della rapina a Camposanto la settimana scorsa e ci sentiamo sotto assedio», confida angosciato il marito della donna, accorso sul posto appena saputo della rapina. Venerdì scorso infatti allo stesso orario e sempre due banditi hanno rapinato il bar Cupido ferendo lievemente la barista, con un cacciavite al collo.

«Stavo mangiando il gelato dentro al bar - racconta un testimone, presente ieri nel Bar insieme a un altro avventore - Un bandito si è diretto verso la cassa, l’altro ci teneva sotto controllo. Non erano armati. La rapina è durata al massimo un minuto: io sono corso fuori quando sono usciti. Stavano scappando a bordo di un’auto, forse una Ford, blu scura. Avrei voluto fotografarla ma mi sono immobilizzato dalla paura. Ho dato immediatamente l’allarme alle forze dell’ordine».

I rapinatori sono fuggiti in direzione Camposanto. Sul posto è arrivata una pattuglia con tre carabinieri che hanno raccolto le deposizioni della barista e del testimone e rilevato eventuali impronte. Il bottino ammonta a qualche centinaia di euro. I filmati delle telecamere permetteranno di acquisire altri dettagli. —

SERENA ARBIZZI. ANDREA GIBELLINI .