Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

In cucina con Vanna Pancirsoli: "Così preparo il mio bensone"

Per Vanna non ci sono dubbi: «A Modena città è indiscutibilmente il bensone, con la “n”. Se qualcuno dice “belsone” è perchè risente di influenze dialettali che arrivano da altri paesi, anche della provincia di Modena certo, ma il nostro è quello con “n”. Anche in dialetto ha la “n”». Ecco la preparazione fase per fase con gli ingredienti IL VIDEO. Foto Gino Esposito. La cronaca

Gli ingredienti di questa ricetta sono tutti parametrati per un chilo di farina con il quale si possono fare quattro bensoni di medie dimensioni.
Per un chilo di farina di tipo 00 servono quattro uova intere e un albume, tre etti di burro, 400 grammi di zucchero semolato, una dose di lievito per dolci, un pizzico di sale e la granella di zucchero a seconda dei vostri gusti per adornare il bensone sulla sua superficie.
Per un chilo di farina di tipo 00 servono quattro uova intere e un albume, tre etti di burro, 400 grammi di zucchero semolato, una dose di lievito per dolci, un pizzico di sale e la granella di zucchero a seconda dei vostri gusti per adornare il bensone sulla sua superficie.
Qualcuno magari potrebbe aspettarsi di dover amalgamare l’impasto con acqua o latte: la ricetta tradizionale non lo prevede. C’è anche chi aggiunge un po’ di latte per arrivare alla consistenza giusta, ma tendenzialmente non è necessaria
Uno dei trucchi per arrivare ad un’ottima lievitazione e cottura del bensone è tutto nei “taglietti”. Prima di mettere il bensone in forno, infatti, occorre incidere l’impasto con qualche taglietto diagonale sulla superficie in alto. Così l’umidità si potrà liberare e il bensone lievitare in cottura come si conviene in questi casi.
Un bel bensone è anche quello che risulta essere dorato sulla superficie a fine cottura. Prima di metterlo in forno, infatti, occorre pennellarlo con un tuorlo d’uovo allungato con un po’ d’acqua, questo per far sì che l’emulsione sia più liquida e la spennellatura più agevole. Dopo mettere la granella.
Cospargere la granella di zucchero sulla superficie e cuocere per 35-40 minuti a 170 gradi.
In cucina con Vanna Pancirsoli: "Così preparo il mio bensone"