Quotidiani locali

Di Gaudio, doppia chiamata al Carpi

Serie B. La doppietta realizzata contro il Latina rilancia l’attaccante che sta trattando il prolungamento del contratto

Antonio Di Gaudio ha aspettato il ritorno al Cabassi per festeggiare la sua prima doppietta tra i professionisti. Aveva già dato segni di risveglio a La Spezia, firmando l'assist vincente per Kevin Lasagna, ma la prestazione con il Latina segna il suo definitivo ritorno da protagonista, dopo un inizio campionato caratterizzato da alti e bassi.

E che ritorno: ormai vicino alle 200 presenze in biancorosso, privilegio che tocca a soli 14 giocatori nella storia ultracentenaria del club, "Totò" ha abbattuto quota 20 gol realizzati in campionato con la stessa maglia e lanciato il Carpi al terzo posto in classifica, a sole due lunghezze dalla zona che vale la Serie A diretta.

Addirittura con un punto in più rispetto alla stagione 2014-15. Per Di Gaudio la prestazione con il Latina è di quelle da ricordare per sempre, da mettere tutta intera sul piatto del rinnovo contrattuale che si sta trattando proprio in questi giorni.

L'ala scoperta da Paolo Chezzi negli Allievi del Palermo, lanciato nella Virtus Castelfranco e poi rapita da Cristiano Giuntoli, ha un contratto in scadenza nel giugno 2018, ma la società ha intenzione di prolungarlo, sulla scorta di quanto fatto la scorsa settimana per Raffaele Bianco e Lorenzo Pasciuti.

"Totò", del resto, in quanto a fedeltà alla causa è secondo solo allo stesso Pasciuti, contando ben sette stagioni in biancorosso (una in meno di Pasciuti, esattamente come Fabrizio Poli).

L'ultimo rinnovo di cui si ha notizia risale all'estate del 2014, all'alba della stagione conclusa con la promozione in Serie A, in cui fu protagonista con 36 presenze e 8 gol, seguite dalle 26 apparizioni e dai 3 gol in massima serie.

La scorsa estate era stato al centro di alcune voci di mercato, che l'avevano associato al Bologna e al Napoli. Non se ne fece nulla, anche perché la politica della società era quella di trattenere i gioielli salvo offerte irrinunciabili, che non sono arrivate.

Dopo la doppietta col Latina, il direttore sportivo Giancarlo Romairone ha una ragione in più per chiudere velocemente la pratica, che blinderebbe "Totò" alla pari di molti compagni della vecchia guardia: oltre ai citati Pasciuti e Bianco, scadono nel 2019 anche Fabrizio Poli, Riccardo Gagliolo e Gaetano Letizia.

Al 2018 rimangono inchiodati al momento Simone Romagnoli e Lorenzo Lollo, ma anche

per loro, molto probabilmente, arriverà il momento del prolungamento. In via Marx, non potrebbe essere altrimenti, ci si affida al gruppo che ha scalato le categorie fino al Paradiso, anche perché, ad oggi, c'è più di una speranza che il miracolo possa ripetersi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro