Quotidiani locali

Podismo modenese: stagione indimenticabile tra grandi imprese e trionfi

Pavullo detta legge nel cross, Fratellanza centro di riferimento per il mezzofondo Casolari sul podio nei 1500 agli Italiani indoor, Franzese si aggiudica il Gran Prix

Un anno di corsa modenese va in archivio. Lo ripercorriamo, dalla A alla Z.

A L'Atletica Frignano si conferma regina provinciale nel cross, dove esulta nella graduatoria societaria assoluta. Pavullo culla di un movimento atletico che sforna campioni, alleva talenti e ha dato vita ad un movimento sportivo che ha letteralmente contagiato l'intero paese: oggi, a Pavullo, tutti sembrano andare di corsa.

B L'anno della consacrazione a livello nazionale per Francesca Bertoni. La ciliegina è il tricolore assoluto del 26 giugno sui 3000 siepi, ma ci sono anche un bronzo a squadre nei mondiali universitari di cross a marzo ed un altro titolo italiano universitario sempre nei 3000 siepi. Il personal best da 9'58'10"sulle siepi ad Oordegem, Belgio, la porta a soli 3" dall'europeo di luglio; azzurro che indossa con la squadra Senior all'EuroCross di Chia di dicembre.

C Il weekend del 5 e 6 marzo agli italiani indoor vale una stagione per Chiara Casolari, che conquista uno storico bronzo nei 1500 in 4'30"85 e firma il personale negli 800 con il personal best da 2'08"37.

D Nell'anno che lo ha visto diventare papà per la seconda volta, con i galloni da campione italiano UISP di maratona in carica, Luca De Francesco miete successi in serie, dalla pianura alla collina, con l'argento a marzo nella Maratona di Ferrara. Chiude col botto il suo 2016 a Reggio, regalandosi il personale e decima piazza assoluta alla Maratona di Reggio in 2h26'45".

E Un anno di corsa all'insegna del Gran Prix Esploraria, quarta edizione: 600 partecipanti, 97 i runners in classifica nel circuito delle 10 gare modenesi, che incorona Sam Franzese ed Isabella Morlini. 21 i "senatori" sempre presenti a tutte le corse, premiati nella serata di gala di fine novembre dedicata al Podismo modenese.

FL'inizio d'anno turbolento con la Corrida dei "5 euro non competitivi", prologo ad un crescendo di acuti. La Fratellanza 1874 ha ospitato ad aprile la nazionale del mezzofondo per la settimana di raduno federale con cui la Fidal ufficializza la scelta di Modena come centro di elite per l'endurance, oltre che per il settore salti. Un 2016 da 6 italiani in bacheca, costellato dal 4° posto maschile di settembre nella Finale Oro a squadre maschile e 12° femminile. Gran finale a Natale con l'annuncio dell'accordo fra Società, Comune e Federazione per l'ampliamento dell'impianto nel 2017, progetto da 2 milioni di euro, con la ciliegina dell'assegnazione delle prossime Finali Nazionali a settembre.

G Alessandro Giacobazzi traghetta in porto la stagione che lo vede esordire a vent'anni in maratona, con il 2h23'26" di Reggio. Nel mezzo, il tricolore under 23 di maggio nei 10.000 in pista, l'argento ai Giochi del Mediterraneo giovanili e quello agli Italiani Promesse di Mezza Maratona, oltre a squilli sonanti in azzurro. A Modena è già il re, la determinazione ed il talento per spingersi oltre cercano conferme nel 2017.

H Happy Hour Run è staffetta, competizione, festa, nuova filosofia di running. Quella che il Modena Runners Club, a poco più di un anno dalla sua nascita ufficiale, sta dimostrando essere convincente ed apprezzata. Agonismo sano, organizzazione, attenzione al movimento giovanile e voglia di divertirsi. Hanno conquistato molti di quelli che oggi si sentono più "runners" che "podisti".

I Convocazione in azzurro per la velocista classe 1998 Eleonora Iori, già ragazza più veloce di Modena nel 2014: a Roma, corre in 46'18" con la 4x100 che ben figura nel Silver Gala allo Stadio Olimpico, nell'anno che la vede conquistare il titolo regionale under 20 sui 60 metri indoor con personale (7"63).

L Torna a livelli altissimi Raphaela Lukudo, che brinda ad un 2016 vissuto da protagonista con le compagne della 4x400. Oro ai tricolori assoluti di Rieti con record italiano da 3'32"50, oro anche ai Giochi del Mediterraneo under 23, dove centra anche l'argento individuale nel giro di pista a giugno. Ad Orvieto a maggio firma anche il personale nei 400 (53"17) che le varrebbe il minimo per gli Europei, cui purtroppo non prenderà parte.

M Anno di grazia per Giulia Mattioli, che centra una storia tripletta di titoli italiani Promesse, nella mezza maratona di Fucecchio a marzo (1h19'39"), nei 10.000 metri su pista di Castelporziano a maggio (34'40"46) e nei 10 chilometri su strada di Foligno a settembre (34'53"). Dolce riscatto, dopo un 2015 costellato dagli infortuni, impreziosito dall'azzurro di Rennes nella 10 km su strada e soprattutto dal bronzo a squadre conquistato a dicembre nell'EuroCross Under 23 di Chia.

N E' in crescita esponenziale il movimento del Nordic Walking. Sorrisi, movimento ed un tripudio di bastoncini che picchiettano sulle strade a ritmo: chiedere all'allegra brigata del martedì sera, gli "Step&Stick" del Run&Fun, per credere.

O Non si stancano mai di accompagnare in giro per il mondo i runners modenesi e non solo: Lolo, Max, Alessandro e gli altri ragazzi di Ovunque Running c'erano a New York, a Tokyo ed ovviamente all'Abetone, nella notte della Podissima. Modena di corsa nel mondo è anche merito loro.

P Sfreccia via fulmineo Simone Pettenati, che si mette al collo due tricolori promesse sui 60 metri indoor e sui 100 metri a giugno. Un 2016 da incorniciare per il velocista bolognese della Fratellanza, condito dall'argento ai Giochi del Mediterraneo con la 4x100, dalla partecipazione al Golden Gala romano e dal bronzo di Berlino nel Fly Europe Tour di settembre.

Q Tris consecutivo nell'eptathlon per Lucia Quaglieri, che centra a maggio il titolo Promesse, dopo i due consecutivi Juniores. Primato personale con 5194 punti per la bolognese targata Modena Atletica, che ritocca i personali a Lama sia nel giavellotto (37,98) che negli 800 metri (2'19"42).

R Grandi protagonisti sulle colline dell'Appennino modenese e reggiano, Laura Ricci e Marco Rocchi, vincitori del Trofeo del Frignano. La sassolese ritrova lo smalto dei bei tempi, dominando in montagna e concedendosi tanti sorrisi anche in pianura, con ripetuti squilli nel Gran Prix e a Scandiano nelle 3 Croci, prima di finire in bellezza con il ritorno da protagonista sulle strade della Maratona di Reggio e la vittoria a Serravalle di Natale. Per Rocchi, stagione da leone in montagna, dove domina su strada e offroad.

S Il bronzo azzurro a squadre under 23 ai Campionati Europei di Cross dell'11 dicembre a Chia porta la firma di Christine Santi. La pavullese trascina le compagne sul podio regalandosi la soddisfazione della 10^ piazza assoluta continentale a livello individuale. Per la portacolori dell'Esercito, anche il trionfo azzurro di Rennes nella 10 km su strada contro la Francia e l'argento agli italiani di Foligno nella 10 km in un'annata che ne ha segnato il ritorno da vera protagonista.

T Fenomeno Trail, che pare non conoscere limiti. A Modena, Trail fa rima con Team Mud&Snow, Casona di Marano e Tre&Trenta Running Team, Formigine: primi e secondi con distacco nella graduatoria a squadre del Trail Uisp Tour 2016. Organizzazione, competenza, fantasia ed il vanto del Trail della Riva, gioiello delle gare offroad in regione e non solo e del Bucamante Wild Trail. E' "colpa" loro se sono sempre più i runners che abbandonano l'asfalto per i boschi.

U C'era tutta Modena davanti alla tv il 18 agosto a fare il tifo per Davide Uccellari, impegnato alle Olimpiadi di Rio De Janeiro nel triathlon. Rincorsa alla sua seconda Olimpiade, dopo Londra 2012, che era inziata proprio a Modena a gennaio con la Corrida. Prova sfortunata per il modenese classe 1991, condizionato nella frazione di bici da un contatto fra due atleti che lo precedevano: 34° al traguardo, in 1h51'06".

V Fra tre settimane, la Madonnina ospiterà l'edizione numero 40 della sua Classica. Sarà un'edizione strana, orfana della competitiva, ma si correrà. Ed i podisti modenesi ci saranno comunque, per far sentire la propria vicinanza a Gianni Vaccari, che lotta con grinta da settembre. Tutto per lui l'augurio che il 2017 lo possa rivedere in pista.

Z Rossella Zanni, a emblema del movimento Master modenese. Due, i titoli italiani conquistati dalla pentathleta, dei 18 portati a Modena dalla Fratellanza nel 2016, record societario eguagliato. Movimento agonistico amatoriale che gode in tutta Modena di splendida salute.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori