Quotidiani locali

Tutto è pronto a Pavullo per il “Giro delle 4 Torri”

Domenica prossima in Appennino va in scena la grande classica che chiude il Circuito del Frignano 2017. Alessandro Giacobazzi alla caccia del poker

Pavullo ospiterà domenica il Giro delle 4 Torri, alla sua edizione numero 33. Gran finale del Circuito del Frignano, che sulla pista d’atletica dello Stadio Minelli eleggerà il suo re e la sua regina 2017, ma tanti saranno anche gli adepti del Gran Prix Modenese di podismo, di cui le 4 Torri sono settima e terz’ultima tappa. Vietato mancare per quella che è diventata una corsa irrinunciabile del fine estate modenese, scalando nell’ordine Torricella, Lavacchio, Pavullo e Montecuccolo.

Organizzato alla perfezione dall’Atletica Frignano, Il Giro delle 4 Torri coniuga l’aspetto agonistico con quello non competitivo. Si parte dal campo di atletica dello Stadio Minelli alle 9. Competitiva di 14,5 chilometri (iscrizioni fino a giovedì su www.modenacorre.it ad 8 euro), non competitiva sulle distanze di 4.5, 6.9, 14.5 e gare giovanili per categoria Allievi (2000/01), Cadetti (2002/03), Ragazzi (2004/05) sui 1000 metri ed Esordienti (da 2006 a 2011 e successivi) sui 500 metri. E’ proprio sulle strade della classica pavullese che sono cresciuti i tanti talenti del mezzofondo modenese e nazionale. Francesca Bertoni sta vivendo il suo sogno azzurro in un agosto pazzesco che l’ha vista esordire dapprima ai Campionati del Mondo di Londra due settimane fa e che le ha dato il benvenuto alle Universiadi di Taipei proprio in questi giorni. Alessandro Giacobazzi si è laureato per il secondo anno consecutivo Campione Italiano dei 10.000 metri Promesse e continua la sua rincorsa alla maratona, mentre Simone Colombini, al rientro a Pavullo dopo un anno di studio negli States, si è guadagnato la maglia azzurra under 23 a luglio per gli Europei di Bydgoszcz nei 3000 siepi. Entrambi sono impegnati da inizio agosto al Sestriere nel raduno federale del mezzofondo, insieme alle altre pavullesi doc, Christine Santi, bronzo lo scorso dicembre agli EuroCross di Chia a squadre under 23 e Chiara Casolari, alla ricerca della miglior forma dopo l’infortunio al piede di inizio anno. Per finire con i terribili Allievi, capitanati da Davide Rossi, Gianmarco Verdi e Nicolò Barbieri, capaci di conquistare fra marzo ed aprile il tricolore a squadre di corsa campestre sia ai Campionati Italiani che a quelli Studenteschi, sotto l’egida dell’ITC Cavazzi, guadagnandosi il pass per i Mondiali Studenteschi del prossimo anno a Parigi. Per tutti loro, le 4 Torri hanno rappresentato il battesimo di fuoco nell’agonismo dopo le sessioni quotidiane di allenamento sulla pista del Minelli dopo le sessioni quotidiane di allenamento sulla pista del Minelli. Immancabilmente sotto l’attenta regia del prof. Mauro Bazzani, minimo comun denominatore del fiorente movimento atletico pavullese: fu proprio lui, nel 1973, a vincere la
prima edizione del Giro delle 4 Torri. Testimone che il coach ha passato proprio al suo discepolo, Alessandro Giacobazzi, da tre anni sul tetto della gara, di cui ha riscritto nel 2015 anche il record. Quel 50’27” che lui stesso difenderà domenica, davanti al pubblico di casa in festa.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik