Quotidiani locali

Sensi: «Lo giuro, presto tornerà il vero Sassuolo»

Il migliore in campo (e in gol) a Bergamo suona la carica Anche Mazzitelli via social: «Lavorare, lavorare, lavorare»

E adesso, chi lo toglie più dal campo? Parliamo del migliore tra i neroverdi nella sconfitta di Bergamo, al di là del gol che lo ha consegnato agli almanacchi come primo marcatore del Sassuolo del campionato; che la rete che ha spezzato il digiuno realizzativo dei ragazzi di Bucchi sia arrivata proprio dal piede di Stefano Sensi forse non è un caso. Come non può essere un caso la crescita dell’ex Cesena intravista in questo complicato avvio di campionato. Dentro un Sassuolo che cerca qualche buon motivo per sorridere, la variabile Sensi spicca in maniera evidente. Bucchi a Bergamo lo ha preferito a gente del calibro di Missiroli e Duncan, lui l’ha ripagato con una prestazione in cui il gol è soltanto la ciliegina sulla torta. Dopo un’annata in cui, complici anche gli infortuni, i suoi progressi non sono stati sempre lineari, il piccolo centrocampista questa volta vuole procedere spedito verso un ruolo da protagonista. Erede designato di Magnanelli per ruolo e caratteristiche, Sensi si allena già da leader. "L'indomani è ancora più dura. Rimane l'amarezza, la rabbia e questo flash. Che non è servito a nulla però. È un momento complicato, lo so, lo sappiamo. Ma giuro: torneremo il Sassuolo". Il post affidato a Instagram la dice lunga sulla voglia di Sensi di farsi strada dentro il mondo neroverde, con quella personalità che evidentemente non gli fa difetto nemmeno sul terreno di gioco e che qualche volta, vedi alla voce “peccati di gioventù”, lo porta un po’ a strafare. Ora il regista, che a Sassuolo sa fare egregiamente anche la mezzala, si candida per un posto negli undici contro quella che potrebbe essere la sua squadra del futuro: c’è anche Sensi, infatti, tra i talenti neroverdi che negli anni sono finiti nel mirino della Juve. Contrattualmente l’ex Cesena è interamente del Sassuolo ma la Vecchia Signora lo monitora con particolare attenzione già dai tempi della serie B, quando era stato soprannominato “il nuovo Verratti”. Non ha brillato come lui domenica scorsa ma c’è pure Luca Mazzitelli nel drappello dei giovani neroverdi rilanciati a Bergamo da mister Bucchi.
“Si allena sempre benissimo”, dice di lui il tecnico, e non a caso il centrocampista ha rilanciato sui social un sintetico “Lavorare, lavorare, lavorare” che, da qui in avanti, potrebbe diventare il mantra del gruppo neroverde per sbloccarsi in classifica.

Giacomo Gullo

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista