Quotidiani locali

Matri abbatte il Cagliari Prima gioia per Bucchi

L’attaccante calcia due rigori: sbaglia il primo ma non il secondo

CAGLIARI. Bella impresa del Sassuolo che in un sol colpo sbanca Cagliari, conquista il primo successo della stagione, regala il primo sorriso a Bucchi rimettendo in sestola sua asfittica classifica. Il Cagliari non sarà la Juve, ma i sardi - fino a ieri imbattuti - erano indicati tra le squadre più in forma di questo inizio di campionato. Com’era accaduto a Bergamo, anche alla Sardegna Arena il Sassuolo ha fatto la partita anche se il gol resta un grande nemico. Per gonfiare la rete è stato infatti necessario un rigore trasformato da Matri, dopo che lo stesso attaccante ne aveva fallito uno in precedenza. Ma la cosa importante è che contro i sardi i neroverdi hanno creato gioco e diverse occasioni dimostrando anche di saper soffrire. Segnali confortanti per mister Bucchi che pian piano sta dando un’identità alla squadra. Il colpo alla Sardegna Arena può essere una svolta per il Sassuolo chiamato a confermarsi già domenica contro il Bologna.

MATRI SBAGLIA... Nel primo tempo più Sassuolo che Cagliari. Il 3-5-2 funziona premiando le scelte di Bucchi che rilancia Duncan e Missiroli a centrocampo al posto di Sensi e Mazzitelli. Davanti esordio da titolare per Matri, centravanti vero, con Falcinelli in panchina. I neroverdi partono forte e vanno ripetutamente vicini al vantaggio. Ma l’imprecisione in zona gol e la bravura di Cragno impediscono loro di sbloccare il risultato. Matri è il neroverde più pericoloso e si vede anche annullare un gol (giustamente, era in fuorigioco) prima di sprecare la più ghiotta delle occasioni quando alla mezzora l’arbitro concede il rigore al Sassuolo per un contatto tra il numero 10 neroverde e Pavoletti. I cagliaritani protestano ma il Var, consultato da Gavillucci, conferma che la spinta c’è. Tutt’altro che esaltante l’esecuzione di Matri che opta per un rasoterra centrale respinto coi piedi da Cragno, abile a non muoversi. Il Cagliari, fino a quel momento inesistente, ha un sussulto con Joao Pedro ma lo 0-0 all’intervallo è risultato assai bugiardo per quanto prodotto dal Sassuolo. Ma nel calcio, si sa, conta buttarla dentro.

.... POI SI RISCATTA Ad inizio ripresa il Cagliari parte a testa bassa, sfruttando gli spazi concessi da un Sassuolo gagliardo ma un po’ troppo sbilanciato. Consigli è miracoloso sul colpo di testa da zero metri di Farias. La partita di Politano e Pavoletti (problemi ai flessori) finisce presto: al loro posto Sensi, ottimo il suo impatto sul match, e Giannetti. I neroverdi, oltre a soffrire, fanno anche male: al quarto d’ora altro rigore per un netto fallo di Pisacane su Sensi. Matri si ripresenta con coraggio e personalità sul dischetto: l’attaccante stavolta sceglie la precisione piuttosto che la potenza. Tiro alla sinistra di Cragno che resta fermo. Sassuolo avanti, Matri esulta beccandosi i fischi dei suoi ex
tifosi. La reazione del Cagliari è rabbiosa ma confusa, al 90’ Ragusa sbaglia il 2-0 solo davanti a Cragno. Un errore che rende incandescenti i 6 minuti di recupero. Ma, a differenza della scorsa stagione, stavolta niente beffe.

@Star_70_ . ©RIPRODUZIONE RISERVATA+++++

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista