Quotidiani locali

Ligi ritrova il Cesena «Nessuna rivalsa, penso solo al Carpi»

Serie B. Il difensore: «Vincerà chi avrà più cattiveria Conosciamo Castori, vietato concedere la profondità»

Alessandro Ligi non avrà troppi problemi ad indossare i panni dell’ex nella gara tra il Carpi e il Cesena. I suoi trascorsi in Romagna sono freschi, freschissimi. Basta ricordare che il quasi 28enne difensore ha giocato con la maglia bianconera proprio in questo campionato. Prima giornata: Bari-Cesena allo stadio San Nicola. Poche ore prima di trasferirsi in biancorosso e iniziare dunque una nuova avventura: «A dire il vero – dice – il mio ok a Lauriola era arrivato in tempi brevi, ma le dinamiche del mercato non avevano permesso un passaggio immediato. Il Cesena, infatti, era in piena emergenza difensiva e prima di lasciarmi partire doveva trovare un sostituto. Sistemata questa situazione sono potuto approdare ufficialmente al Carpi». Dove è arrivata la firma su di un contratto biennale (con opzione per una terza stagione): «Ho girato molte società in carriera, praticamente mi sono fermato un po’ di tempo solo a Crotone. Sono arrivato ad un punto della mia esperienza nel calcio dove spero di rimanere qualche anno in più nella stessa squadra. Ci avevo provato con i romagnoli ma non è andata come speravo, ora ci riprovo a Carpi». La “nuova vita” in biancorosso è cominciata bene anche se nelle ultime giornate i risultati non stanno arrivando: «Posso dare qualcosa di più, come del resto tutta la squadra. Abbiamo nel nostro dna la giusta cattiveria e la giusta determinazione, aspetti necessari per vincere le partite. Nelle primissime giornate si è visto che queste sono nostre caratteristiche. Caratteristiche che sono mancate di recente e che abbiamo il compito di fare nuovamente nostre». Si torna così al ko rimediato contro il Venezia: «Un buon primo tempo nel quale abbiamo subito il primo gol dopo un errore, stessa cosa nella ripresa. Verosimilmente abbiamo incassato meno reti a inizio campionato quando, invece, soffrivamo di più. Per questo dico che sia tutta questione di cattiveria agonistica. Anzi, credo che chi metterà più “cattiveria” vincerà la partita di sabato». A proposito dell’appuntamento col Cesena: «Una squadra interessante nonostante la posizione in classifica e costruita bene se si considera il budget a disposizione. Da poco è andato via Camplone che puntava molto sul gioco e sulle geometrie, le caratteristiche di Castori sono diverse. Conoscete il mister meglio di me e meglio di me sapete quelle che sono le sue teorie. Bisognerà per questo non concedere loro profondità e, avviso per noi difensori, prestare massima attenzione a Jallow che è un giocatore veloce e capace di inserirsi dietro la linea. Sarà una battaglia, ma come ho già ampiamente detto dovremo fare ancora nostri i punti di forza che hanno caratterizzato il via di questa serie B. La gara si baserà interamente o quasi proprio
su questi aspetti che dobbiamo proporre per tutti i novanta i minuti e non solo quando abbiamo subito lo schiaffo. Rivalse nei confronti del Cesena? Assolutamente no, lì sono stato bene. E poi adesso ho altri pensieri che riguardando solamente il Carpi».

Enrico Ballotti

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista