Quotidiani locali

Icardi, ti te dominet Milan E l’Inter fa festa nel derby

L’argentino segna una tripletta stupenda. Rossoneri in palla ma non basta  I nerazzurri scavalcano la Juventus e sono secondi a meno 2 dal Napoli

MILANO. Quando i derby sono da record i campioni non sbagliano e ieri sera a San Siro Icardi si è fatto trovare pronto all’appuntamento con il gol. E lo ha fatto per ben tre volte. Pazza Inter e pazzo derby. I nerazzurri strappano la vittoria sul Milan grazie ad un rigore calciato dall’argentino al 90’.

L'Inter era sceso in campo puntando tutto sul suo bomber, supportato da Candreva, Perisic e Vecino, quest'ultimo nell'inedita posizione di trequartista. Il Milan, senza Kalinic infortunato, si era invece affidato ad André Silva e Suso. Ma il derby dei record (San Siro sold out, con 4,8 milioni d'incasso, il più alto della storia della Serie A) è andato all’Inter dopo una sfida all’ultimo respiro e dopo che il Milan era riuscito a pareggiare per due volte. Al 12’ prima grande occasione Inter con Candreva che fa partire un tiro che si stampa sulla traversa di Donnarumma. Nei primi venti minuti i nerazzurri impongono il gioco, mentre i rossoneri cercano di colpire sulle ripartenze. Al 23’ ancora Inter in avanti con Miranda che colpisce di testa ma senza troppa precisione e la palla esce sul fondo.

Cinque minuti dopo Inter in vantaggio con Icardi su assist di Candreva. L’argentino calcia la palla in area, sorprende Bonucci, e l’estremo difensore del Milan non può nulla. I rossoneri provano subito a reagire con alcune incursioni di Bonaventura, ma sembrano aver subito il contraccolpo almeno a livello psicologico.

Al 36’ Icardi ci riprova con un rasoterra da fuori area, ma il tiro è debole e Donnarumma blocca a terra. In chiusura di primo tempo arriva la grande occasione per il Milan, con Borini che servito da Kessié calcia con potenza ma Handanovic respinge. Il giocatore del Milan ci riprova di testa ma la palla va a sbattere sulla rete esterna. Si va al riposo con l’Inter avanti di un gol. Alla ripresa del gioco Montella manda in campo Cutrone al posto di Kessié. Milan più agguerrito: André Silva si libera bene in area, il suo tiro colpisce il palo, poi Musacchio ribatte in rete, ma era in fuorigioco. Poco dopo gran tiro di Suso dai 25 metri ma Handanovic alza sopra la traversa. Ancora rossoneri in avanti, con Cutrone che anticipa tutti e calcia contro la rete esterna. La formazione di Montella applica il forcing.

Al 56’ il Milan accorcia le distanze con un bel tiro di sinistro a giro di Suso che trova l’angolino dove il portiere dell’Inter non può arrivare. Dal rientro in campo si gioca quasi solo nei pressi della porta dell’Inter, con Bonaventura che va vicino al vantaggio, ma quando sembra che i rossoneri debbano avere il sopravvento arriva la doccia fredda: al 63’ in rete ancora Icardi che con un’acrobazia
batte Donnarumma su assist di Perisic. All’81’ quello che non t’aspetti più: l’autorete di Handanovic che prima para un tiro di Bonaventura e poi tocca la palla che entra nella sua rete. Ma al’89’ arriva il rigore per l’Inter e dal dischetto Icardi non sbaglia. E finisce 3-2.



TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista