Quotidiani locali

Il Carpi e l’arma slovena Jelenic

Serie B. La doppietta al Cesena consegna a Calabro un pezzo da novanta. Pronto il giramondo Jakimovski

Quando Enej Jelenic annunciò il suo passaggio al Carpi, lo scorso 30 gennaio, a Livorno scoppiò un vero pandemonio: la società voleva trattenerlo, ma lui aveva già fatto la sua scelta. A lungo i tifosi carpigiani si son chiesti il perché di quella indignazione: i suoi primi mesi in biancorosso non sono stati tutt’altro che memorabili. La vistosa differenza di preparazione ha pesato dall’inizio, ed il recupero del gap è stato interrotto a marzo da una operazione al menisco. Ma dopo la doppietta realizzata contro il Cesena, la seconda della sua carriera, nessuno si stupirà più delle lacrime di Livorno. Non tanto per il peso specifico dei punti conquistati, quanto per la continuità, livellata verso l’alto, delle prestazioni che l’hanno preceduta in questa nuova stagione. Generosità e qualità che lo candidano ad essere uno dei leader della squadra di mister Calabro. A Livorno aveva rifiutato un triennale, che poi ha sottoscritto col Carpi, al quale è legato fino al 2020. Classe ’92, è cresciuto nel Koper, squadra di Capodistria, la sua città. A 18 anni era già in Prima squadra e nel gennaio 2011 si era guadagnato le attenzioni del Genoa. Da lì al Padova e poi tra gli svincolati del fallimento, pesca che portò Mbakogu in regalo a via Marx. Quando è arrivato a Carpi ha confessato il sogno di tornare un giorno nella Nazionale slovena. La strada intrapresa è quella giusta. Anche a dispetto dei frequenti spostamenti: da una fascia all’altra, da esterno a interno. E’ però quest’ultima intuizione di mister Calabro ad aver portato lo sloveno alla doppietta, ad averne premiato la puntualità nell’inserimento in area. Una soluzione tattica che potrebbe diventare definitiva, se non ci fosse l’infortunio di Pasciuti a tormentare ulteriormente la pattuglia degli esterni.

UNA CHANCE PER JAKIMOVSKI?

Proprio l’infortunio di Pasciuti, che si somma a quello di Bittante, potrebbe convincere la società a tesserare il giramondo Jakimovski (’90), la scorsa stagione al Benevento (10 presenze). Da qualche giorno si allena col gruppo. Lo staff ha già avuto il tempo per valutarne lo stato di forma, ma la società rimane sulle sue: “Vedremo”. Sono invece previsti per oggi gli esami che dovranno accertare la gravità dell’infortunio muscolare che ha messo ko Pasciuti nella sfida contro il Cesena. Per lui potrebbe esserci almeno un paio di settimane di stop. Oggi pomeriggio alle 15 è prevista la ripresa degli allenamenti.

BIGLIETTI

Sono
già in vendita i biglietti per la gara Carpi-Palermo, che si giocherà in infrasettimanale martedì 24 ottobre alle 20.30. Sono disponibili sul circuito listicket, presso le filiali di BPER e solo nel giorno della partita presso la Biglietteria al Cabassi.
(f.g.)



TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista