Quotidiani locali

Vai alla pagina su Modena calcio
Modena, Taddeo ora deve decidere

Modena Calcio

Modena, Taddeo ora deve decidere

Può chiedere l’istanza di fallimento o un concordato liquidatorio e deve comunicarlo subito al tribunale

La proprietà del Modena Fc 1912 Srl non ha ancora sciolto le riserve sulle sue intenzioni dopo la radiazione dal campionato di serie C. Irrilevante, si penserà, visto che la revoca del titolo sportivo è diventata automatica al momento dell’esclusione. Vero per certi versi, ma assolutamente poco chiaro per quanto riguarda il futuro. Il Modena, inteso come Srl, non è infatti ancora fallito. Il concordato con riserva presentato in tribunale, senza una squadra e dunque senza continuità aziendale, non sta più in piedi. Ad una settimana dalla radiazione non si ha però ancora alcuna certezza sul fatto che venga presentata istanza di fallimento. Anzi, la strada che con più convinzione Aldo Taddeo sembra orientato a percorrere è quella del concordato liquidatorio, tra l’altro oggetto di una recentissima riforma. Allungare i tempi ed evitare in tutti i modi un fallimento vero e proprio, d’altro canto, è sempre parso a tutti l’obiettivo dopo il passaggio di consegne tra Caliendo e Taddeo. Se la scelta ricadesse sul concordato liquidatorio, a patto che questo sia realizzabile, ci si troverebbe di fronte ad una prima volta nel calcio italiano: mai, infatti, una società già radiata ha fatto ricorso a questa procedura concorsuale. La tentò il Padova di Penocchio qualche anno fa, salvo poi passare ad una procedura liquidatoria differente. E le vicende del vecchio club biancoscudato, durate un paio d’anni prima che il sindaco riuscisse a riappropriarsi di marchio e memorabilia da affidare alla neonata società, fanno capire che i tempi per rivedere il marchio Modena Fc potrebbero essere molto lunghi.

E l’esito non scontato. Tutto questo viaggerà in parallelo con la costituzione del nuovo Modena, sulla quale nessun imprenditore ha ancora mosso passi rilevanti. L’iter è chiaro: serve l’affiliazione alla Figc, un titolo sportivo, l’ok del Comune e una lettera al presidente della Lnd per chiedere l’ammissione alla serie D, a patto che lo si voglia, altrimenti si ripartirà dall’Eccellenza. Il nuovo Modena non sarà ovviamente Modena Fc ma potrà riacquisire il marchio in futuro.

Con un fallimento dell’attuale club canarino il percorso sarebbe più

intuibile perché già praticato, con un concordato liquidatorio tutto invece dipenderebbe dalla attuale proprietà: venderà, tra le altre cose, il marchio per sistemare i creditori? Nel caso, lo venderà alla società che poi sarà il nuovo Modena? O lo terrà e, se sì, a che pro?
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista