Quotidiani locali

Vai alla pagina su Modena calcio
Samorì: «Il gruppo che rappresento fa sul serio»

Modena Calcio

Samorì: «Il gruppo che rappresento fa sul serio»

«Primo passo acquistare il marchio del Modena». Il Comune si prepara a rilanciare

MODENA La prossima settimana rappresenterà uno snodo cruciale nell’opera di rifondazione del Modena. Da una parte ci sarà infatti l’incontro nel quale il sindaco Gian Carlo Muzzarelli intende riunire chi ha manifestato la volontà di ragionare sulla costruzione della nuova società, appuntamento ufficiosamente fissato nella giornata di venerdì 19, dall’altra è prevista la prima mossa concreta della cordata che si è affidata all’avvocato Gianpiero Samorì, intenzionata a camminare con le proprie gambe fino all’asta per l’assegnazione del marchio Modena Fc. Partendo da quest’ultima, ai microfoni di Radio Bruno Samorì ha ribadito quanto aveva già confermato alla Gazzetta: «La cordata è formata da quattro imprenditori modenesi seri e da un professionista non modenese. Escludo categoricamente un mio coinvolgimento personale». Ieri intanto il giudice delegato del tribunale ha autorizzato la nomina dello stimatore del marchio che sarà messo all’asta probabilmente entro il 15 marzo. «Il gruppo che rappresento - afferma Samorì - è deciso ad acquistarlo e ha già firmato un passo parasociale per finanziare il Modena per i prossimi tre anni. Si tratta di imprenditori importanti che a metà del prossimo mese dovrebbero presentare la compagine societaria. Dopo l’acquisto del marchio sarà inviata una lettera formale al sindaco Muzzarelli per chiedere il gradimento e l’utilizzo del Braglia. Se non sarà la cordata che rappresento ad aggiudicarselo, vorrà dire che saranno imprenditori ancor più importanti a far rinascere il Modena». Ci si avvia dunque verso un duello al rialzo in tribunale, quello che il Comune avrebbe forse evitato volentieri cercando un punto d’incontro tra gli imprenditori interessati o risolvendo prima dell’asta per il marchio un’ipotetica querelle tra cordate, come accaduto in altre piazze, su tutte Parma. E non va escluso che l’asta possa risultare più partecipata di quanto ci si aspetti, circostanza sicuramente positiva per l’interesse manifestato ma anche con un piccolo margine di pericolosità. Si tratta comunque di scenari ipotetici. In tutto questo c’è un giocatore che non dimentica la triste fine del Modena. Simone Fautario, ora al Fano, ha salutato i compagni

con la foto dell’ultima salvezza e un duro attacco a chi ha rovinato tutto: “Quello che si era creato l’anno scorso era qualcosa di particolare, che ti prende la pancia al pensiero che poteva essere ma non è stato per colpa di qualche “piccolo uomo” e della sua banda bassotti”.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro