Quotidiani locali

Il campione Ceci è tornato a casa «Sono incredulo»

Il motociclista ha vinto l’ex Dakar: «Una gioia pazzesca». Anche Pelloni soddisfatto: «Penso già al Merzouga Rally»

I nostri due portacolori reduci dall’Africa Eco Race 2018 sono rientrati e, con umori diversi, hanno analizzato le loro gare. Martedì notte il prignanese Paolo Ceci e il vignolese Stefano Pelloni sono atterrati alla Malpensa e poi il viaggio tra le nebbie della nostra pianura padana fino alle loro rispettive dimore. Un giorno di “riposo” tra il ritorno alla nostra cucina, le chiamate degli amici e sostenitori e poi le prime parole. Per il trionfatore delle moto Ceci un ritorno a casa graditissimo: «Ho festeggiato a tortellini e lambrusco ma ho ancora incredulo su cosa abbia realizzato all’Africa Eco Race. La gioia di questo successo mio, ma anche della mia squadra, è felicità allo stato puro. Ora attendo il rientro della “compagna” che mi ha portato a vincere, la Ktm 450cc rally del team CrossParts, per organizzare quanto prima una festa tutti insieme. Un grazie sincero a coloro che mi hanno seguito e sostenuto in questa avventura e quanto prima spero di incontrare tutti». Tra quelli che hanno fatto i complimenti al campione prignanese anche Stefano Pelloni, l’altro pilota modenese che ha partecipato al grande raid africano. Il vignolese era alla sua quarta partecipazione ma la prima da driver su una quattroruote, un buggy per l’esattezza. Per i due modenesi un sostegno reciproco ad ogni bivacco in cui si sono incontrati fino all’abbraccio sul traguardo di Dakar. «Questa prima esperienza da pilota di auto con la Yamaha YZX 1000R del team RT73 Movistar - dice Pelloni - è stata comunque positiva nonostante l’obiettivo Dakar sia arrivato dopo alcune tappe saltate. Ho visto che posso essere competitivo ma servono modifiche al mezzo che apporteremo. Sono partito con alcune certezze poi, quando siamo arrivati a disputare le prime speciali, abbiamo fatto qualcosa di buono. Purtroppo alcuni ritardi logistici dei camion scopa - a causa della gara dura con tante auto ferme lungo il percorso - mi hanno obbligato a trascorrere due
notti nel deserto e questo ha condizionato la gara. Comunque sono soddisfatto e ci sono buoni margini di miglioramento. Anch’io ringrazio tutti dagli sponsor agli amici che mi hanno seguito sulla Gazzetta e sui social. Ora penso già a prepararmi al meglio per il Merzouga Rally».

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon