Quotidiani locali

Garritano: «Carpi è la piazza ideale per crescere ancora»

«Voglio lasciare un segno importante. Questa società è ambita per la credibilità conquistata nel calcio italiano»

Nemmeno il tempo per prendere confidenza con il nuovo ambiente che per Luca Garritano è venuto il momento di esordire in biancorosso. Dopo pochi giorni dal suo arrivo a Carpi, complice anche l’infortunio a Belloni, l’ex Chievo e Cesena ha avuto modo di mettersi in mostra. Lo ha fatto sul campo della Salernitana con settanta minuti di qualità e corsa, il tutto condito pure dall’appoggio decisivo per il gol di Poli. «Sono un tipo di calciatore che si adatta molto – inizia - posso giocare esterno, mezzala o mezzapunta. Sono abbastanza duttile, non ci sono problemi. A Salerno mi sono posizionato quarto a sinistra e lì mi trovo decisamente bene. Sono un centrocampista offensivo che cerca di superare l’avversario, questo però non mi limita sull’aspetto del sacrificio. Mi piace anche tornare e dare una mano dietro se c’è il bisogno». Le idee sono chiare per il neo-biancorosso, questo l’obiettivo: «Scendere in campo con continuità ed essere protagonista. La mia esperienza in A non è andata così male a mio parere, sono subentrato spesso e mi sono ritagliato i miei spazi. Ma voglio essere parte fondamentale di un gruppo e per questo ho scelto Carpi. Sono molto motivato per questa nuova avventura».

Avventura appena iniziata e frutto di una trattativa lampo o quasi: «Tutto si è concretizzato nell’ultima settimana di mercato – continua Garritano - col Chievo si è risolta una situazione e poi abbiamo deciso di muoverci con i biancorossi. Non so se c’erano altre squadre interessante a me, io so solo che ho scelto immediatamente Carpi perché sono convinto che sia la piazza e la squadra migliore per crescere». Un ruolo chiave lo ha recitato pure Giancarlo Romairone, ex diesse biancorosso e ora dirigente a Verona: «Mi ha spiegato un po’ che ambiente avrei trovato. Le sue parole sono state di grande stima per questo club e mi hanno influenzato in maniera positiva. Anche se questa società non ha certo bisogno di presentazioni particolari. Negli ultimi anni qui si è giocato in serie A e si è sfiorata una promozione ai playoff. Una piazza ambiziosa che ha guadagnato una credibilità importante in tutto il sistema calcio italiano». Si diceva dell’impiego espresso e delle novità trovate a Carpi. Una su tutte il

duro allenamento settimanale che è una peculiarità dello staff biancorosso: «Ne avevo sentito parlare, ma questa è la nostra professione. C’è una persona qualificata che fa il suo lavoro per il nostro bene. Per me non c’è stato nessun problema, anzi…».

Enrico Ballotti

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori