Quotidiani locali

Mazzone scommette sull’Azimut: «Voglio lo scudetto»

Mazzone scommette sull’Azimut: «Voglio lo scudetto»

«Ad inizio stagione pensavo fosse la Lube la più forte Perugia è favorita, ma noi abbiamo battuto entrambe»

Daniele Mazzone sicuramente non è scaramantico e guarda con fiducia al futuro.

«Vogliamo vincere lo scudetto», ha urlato senza paura il centrale dell'Azimut, ritornato in campo domenica scorsa contro Milano dopo la distorsione alla caviglia. Obiettivi ed idee ben chiare per questo finale di stagione, con il prossimo passo che sarà mercoledì 28 alle ore 20.30 per gara 1 di semifinale contro la Lube.

Mazzone, come stai?

«Sto bene. Ho ricevuto buoni segnali contro Milano, nonostante avessi nelle gambe solamente un allenamento e mezzo. Non potevo aspettarmi di più, ma la sensazione di tornare in campo è stata veramente bella. Ovviamente da un punto di vista fisico manca qualcosa, soprattutto nel salto e nella reattività degli spostamenti».

Con il tuo recupero, affronterete la Lube con la rosa al completo.

«Manca ancora una settimana a gara 1, speriamo non succeda niente... A parte gli scherzi, è stato bello ritrovarci in campo tutti insieme, credo che non succedesse dalla prima giornata di ritorno contro Castellana. Contro Milano, però, qualche vecchio meccanismo ce lo siamo ricordato lo stesso, adesso avremo un po' di tempo per ripassare tutti gli schemi. Per riuscire ad esprimerci al massimo necessiteremo di diversi allenamenti, ma ce la faremo».

Qual è il vostro obiettivo arrivati in semifinale?

«Ad inizio anno pensavo fosse la Lube la squadra più forte, invece il campionato ha detto che è Perugia la favorita. Noi però abbiamo battuto entrambe. Io ed i miei compagni vogliamo lo scudetto, fino a quando cadrà l'ultimo pallone in campo il nostro obiettivo sarà quello di conquistare il tricolore. Penso che la semifinale sarà molto equilibrata, ma per arrivare in fondo devi battere tutte le squadre».

La Lube sarà impegnata anche in Champions League, può essere un vantaggio per voi?

«I viaggi europei durante la settimana sono massacranti. Fisicamente è stressante e in alcune trasferte devi abituarti al fuso orario, non è facile giocare in quelle condizioni. La Lube però è composta da giocatori che sono abituati a tutto questo, se stanno bene fisicamente i loro impegni europei non andranno ad influire troppo sulla nostra serie. E' evidente che noi avremo più tempo per concentrarci sulla preparazione della singola gara di semifinale».

Quanto inciderà il fattore campo?

«Ci sono squadre che giocano peggio in casa e meglio in trasferta, è tutto relativo. Noi giochiamo bene ovunque. E' chiaro che giocare davanti al nostro pubblico è bellissimo, ma non penso che il palazzetto cambi i valori tecnici delle due squadre».

Impazza il volley mercato. Ne parlate tra di voi?

«Il

focus all'interno dello spogliatoio è esclusivamente sullo scudetto. Io rimarrò a Modena, questo si sa già, ma personalmente mi darebbe fastidio se qualcuno mi chiedesse del prossimo anno. Quindi io ai miei compagni non chiedo nulla, parliamo solo di come vincere il tricolore».

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik