Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Stoytchev: «Io so quando abbiamo perso la partita»

Stoytchev

Il tecnico dell'Azimut dopo il ko a Civitanova: «Non abbiamo messo per terra  una palla nel tie break che ci avrebbe portati a +3... »

CIVITANOVA. Lo stesso film della scorsa stagione. Modena viene sconfitta in gara 1 di semifinale sul campo della Lube Civitanova dopo aver sprecato tantissime occasioni, specialmente nel corso di un tiebreak che conduceva in maniera autoritaria prima della serie al servizio di Candellaro. Non cerca alibi Radostin Stoytchev che è perfettamente conscio di quando è girata la sfida.

«Siamo usciti sconfitti da questa gara perché non abbiamo messo per terra una palla senza muro da posto 4, quell'a ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CIVITANOVA. Lo stesso film della scorsa stagione. Modena viene sconfitta in gara 1 di semifinale sul campo della Lube Civitanova dopo aver sprecato tantissime occasioni, specialmente nel corso di un tiebreak che conduceva in maniera autoritaria prima della serie al servizio di Candellaro. Non cerca alibi Radostin Stoytchev che è perfettamente conscio di quando è girata la sfida.

«Siamo usciti sconfitti da questa gara perché non abbiamo messo per terra una palla senza muro da posto 4, quell'attacco di Urnaut - racconta l'allenatore bulgaro nel post gara. Con quel punto potevamo andare a +3, invece Kovar è riuscito a difendere e loro sono riusciti a trovare il contrattacco vincente con pazienza e tre rigiocate. E' girata in questa occasione la gara. Noi però dobbiamo ancora entrare in questa sfida, oggi abbiamo avuto tanti passaggi a vuoto e questo non ce lo possiamo permettere. Al Pala Panini dovremo aggredirli, dovremo cercare di tenere il pallino del gioco nelle nostre mani. Non possiamo iniziare il set concedendo un vantaggio alla Lube di 5-0, agevolato dalle battute di Juantorena che, nonostante tutto, avevamo ricevuto perfettamente in due occasioni. Tutti i palloni non standard li abbiamo gestiti male, sicuramente in questo dovremo migliorare in vista di domenica. Queste situazioni strane cambiano una partita».

L'allenatore bulgaro prova poi a trovare le cose positive di una partita che Modena si è vista sfuggire proprio sul più bello. «Sabbi ha giocato bene, ma anche Ngapeth. Ha fatto quello che doveva fare, perché il muro della Lube si è concentrato su di lui, inoltre ha ricevuto con positività per tutta la sfida. Come squadra dovremo migliorare nel cambio palla, nei set persi per esempio siamo andati in difficoltà in ricezione. Questo fa la differenza, perché quando la abbiamo sistemata poi siamo andati bene e abbiamo espresso un gioco più convincente. Per gara 2 non mi aspetto nulla di diverso, sarà una battaglia. Anzi, una cosa cambierà e sarà la Lube. Oggi non hanno giocato benissimo, hanno sbagliato tanto sotto pressione. Sono sicuro che al Pala Panini vedremo una Civitanova diversa, soprattutto in battuta».

Tanta delusione nella parole di Maxwell Holt,

«Sì, ci siamo andati veramente molto vicini. Abbiamo perso 15-13 il tiebreak, un parziale che, tra l'altro, stavamo conducendo noi. Ci siamo incartati sulla battuta float di Candellaro. Questa partita certifica il fatto che noi siamo vicini alla Lube, anzi vicinissimi. Nella sconfitta ci sono tanti errori nostri, situazioni di gioco che senza dubbio dovremo sistemare in vista di gara 2 domenica al Pala Panini. La Lube è stata brava, ma potevamo vincere. Adesso torniamo a Modena un po' tristi, ma la serie è molto lunga e dobbiamo continuare a guardare avanti alle prossime sfide di questa sfida. Domenica saremo nuovamente in campo, davanti ai nostri tifosi, e per prima cosa dovremo contenere gli errori, per esempio oggi abbiamo commesso tantissime invasioni gratuite. Dobbiamo essere più puliti. Riguarderemo il match e studieremo bene cosa è andato e cosa non è andato. Dopo un giorno di riposo torniamo in campo per allenarci in vista della sfida del Pala Panini».