Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ngapeth e Bruno, fratelli nella battaglia dell’Azimut

Bruninho e Ngapeth

Entrambi al passo d’addio vogliono regalare lo scudetto a Modena Il francese scrive sui social: «So che lui sarà sempre lì a guardarmi le spalle»

MODENA Modena Volley sembra essersi definitivamente risvegliata e, con la vittoria della battaglia di gara 2 al Pala Panini del giorno di Pasqua, è pronta per gli ultimi atti della “guerra” sportiva contro la Lube Civitanova che mette in palio l'accesso alla finalissima scudetto. I due comandanti dell'Azimut, Bruno Mossa de Rezende e Earvin Ngapeth, hanno disputato una gara 2 magistrale, mettendo le cose in chiaro, se mai ce ne fosse bisogno, per quanto riguarda il loro obiettivo: vincere lo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA Modena Volley sembra essersi definitivamente risvegliata e, con la vittoria della battaglia di gara 2 al Pala Panini del giorno di Pasqua, è pronta per gli ultimi atti della “guerra” sportiva contro la Lube Civitanova che mette in palio l'accesso alla finalissima scudetto. I due comandanti dell'Azimut, Bruno Mossa de Rezende e Earvin Ngapeth, hanno disputato una gara 2 magistrale, mettendo le cose in chiaro, se mai ce ne fosse bisogno, per quanto riguarda il loro obiettivo: vincere lo scudetto. Meglio tardi che mai verrebbe da dire, ma i campioni fanno la differenza quando conta. Adesso il momento clou della stagione è arrivato e Ngapeth attraverso la sua pagina Instagram lancia il suo personalissimo grido di battaglia: «Quando un fratello sa che sei in tempo di guerra, risponderà sempre presente e sarà sempre lì per guardarti le spalle». Sono queste le parole scelte dallo schiacciatore transalpino per accompagnare una foto che lo ritrae in un abbraccio con suo fratello Bruno (si chiamano così tra di loro dalla prima volta che si sono conosciuti) nel corso della partita contro Civitanova.

La peggior notizia in casa Lube è proprio quella del resurrezione dei due fuoriclasse gialloblù, tanto per rimanere in ambito pasquale. Il loro rapporto va al di là del rettangolo di gioco, essendo i due amici per la pelle. Ma dentro al campo, quando vestono la stessa maglia, si percepisce una magia che nessun'altra coppia del mondo del volley sa regalare ai propri tifosi, scambi tecnici di una qualità fuori dal normale e una capacità unica di decidere le partite. Bruno e Ngapeth sembrano concentratissimi e vogliono salutare i proprio tifosi vincendo l'ennesimo trofeo della loro storia con la maglia gialla di Modena. Ngapeth ha da poco ufficializzato il suo passaggio allo Zenit Kazan, mentre è oramai certa anche la partenza di Bruno in estate. I due campionissimi vogliono lasciare al Pala Panini il miglior ricordo possibile della loro permanenza, provando a conquistare il loro secondo scudetto con la casacca di Modena, il tredicesimo della storia della pallavolo geminiana. Anche Bruno ha utilizzato Instagram nelle ultime ore per caricare l'ambiente e trascinare i compagni, scrivendo la frase in brasiliano: «che il mio coraggio sia più grande della mia paura, e che la mia forza sia grande quanto la mia fede». Bruno è l'uomo in più di Modena dentro e fuori dal campo, un giocatore capace di gestire una squadra alla perfezione all'interno del campo e creare un gruppo unitissimo al di fuori.