Quotidiani locali

Vai alla pagina su Sassuolo calcio
Politano, un’altra magia  Il Sassuolo è quasi salvo

US Sassuolo Calcio

Politano, un’altra magia Il Sassuolo è quasi salvo

Fiorentina in 10 e mai in partita. Neroverdi a + 9 sul Crotone che gioca oggi

REGGIO. Dopo quattro mesi il Sassuolo torna a vincere al Mapei Stadium, raggiunge quota 37 punti e mette una seria ipoteca sulla permanenza nella massima serie per la quinta stagione di fila. Il Crotone, che gioca oggi, è distanziato di 9 punti: se i calabresi dovessero perdere a Udine, nello scontro diretto di domenica prossima allo Scida ai neroverdi basterebbe un pareggio per festeggiare la salvezza matematica. Giusto premio per una squadra capace di mettere in fila otto risultati utili consecutivi (3 vittorie e 5 pareggi) e avvicinarsi ad un traguardo che, visto come s’era messa, ha il sapore dell’impresa. E qui è giusto dare tanti meriti anche a Iachini che, in silenzio e nonostante mille avversità, mattoncino dopo mattoncino sta tirando su un muro. Deludente invece la Fiorentina di Pioli, spenta e rimaneggiata. Da segnalare la presenza in tribuna del Mapei Stadium dei genitori di Davide Astori che hanno seguito la gara accanto ad Andrea Della Valle.

Politano, ancora lui

Dopo il colpo a Verona nel turno infrasettimanale, il Sassuolo si è ripetuto con identico risultato contro la Fiorentina. Due risultati per certi versi storici: al Bentegodi contro gli scaligeri il Sassuolo non aveva mai vinto in Serie A, così come fino a ieri mai era riuscito a battere i viola al Mapei. Gol decisivo del solito Matteo Politano, giunto all’ottava marcatura stagionale. Proprio lui, l’uomo più chiacchierato dell’ultima sessione di mercato, se ce ne fosse ancora bisogno ha dimostrato di valere i 28 milioni chiesti da Squinzi. In estate probabilmente il Sassuolo rispetterà la promessa di lasciarlo andare per spiccare il volo in una big e sostituirlo non sarà semplice.

Iachini non cambia

Squadra che vince non si cambia. Zero o quasi turnover per Iachini che presenta una novità rispetto all’undici corsaro al Bentegodi con Missiroli per Mazzitelli. Solo panchina per gli ex Matri e Babacar, quest’ultimo arrivato dalla Fiorentina a gennaio. L’altro ex, Falcinelli, è titolare al fianco di Chiesa nell’attacco della Fiorentina.

Nel primo tempo ritmi bassi ed emozioni col contagocce. Fino alla mezzora da segnalare solo una bella conclusione di Adjapong addomesticata in due tempi da Dragowski. Sassuolo comunque più vivace e propositivo di una Fiorentina con il freno a mano tirato.

Viola in 10 alla mezzora

Alla mezzora il match subisce il primo scossone: Dabo, già ammonito, stende Berardi lanciato a rete, Irrati non può far altro che estrarre il secondo giallo all'indirizzo dell’ingenuo centrocampista viola. Il Sassuolo approfitta immediatamente della superiorità numerica: Adjapong va sul fondo e trova Politano che, dal limite dell'area, scarica un mancino ad effetto imparabile per Dragowski. Gol bellissimo. Alla scadere del primo tempo intervento del VAR, Irrati va ad analizzare le immagini alla moviola per valutare la gravità del contrasto falloso di Berardi su Dragowski e conferma la propria decisione: il fallo non è da rosso, ma da ammonizione.

Fiorentina inesistente

Dopo dieci minuti dall’avvio della ripresa Pioli fa entrare Simeone e Gil Dias per dare un po’ di peso all’attacco viola, fino a quel momento incapace di creare pericoli dalle parti di Consigli (alla fine si conterà un solo tiro nello specchio). Ma è Politano ad avere il match ball per chiudere ogni discorso, tutto solo si fa murare la conclusione da Dragowski uscito a valanga. La Fiorentina, nervosa, fiacca e fallosa, non riesce a reagire. E il Sassuolo prova ripetutamente a chiudere la contesa prima con Ragusa (subentrato a Berardi) e poi con Adjapong che cade a due passi dalla porta viola dopo un contatto con Vitor Hugo. Ma Irrati, ben piazzato, ammonisce (giustamente) l’italo-ghanese per simulazione. Al 90’ Matri si divora il raddoppio regalando un supplemento di sofferenza ai tifosi di fede neroverde nei cinque minuti di recupero. Sofferenza che resta solo teorica perché la Fiorentina

di ieri era troppo apatica per provare anche solo a spaventare Consigli. Al triplice fischio di Irrati quelli del Sassuolo festeggiano: la salvezza non è ancora matematica, ma i tre punti con la Fiorentina rappresentano più di un’ipoteca.




 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori