Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Melli: «Una montagna da scalare ma a Villanova ce la giocheremo»

Dopo il punteggio dell’andata conquistare la salvezza per la Young Boys sarà un compito tutt’altro che semplice. Il presidente del club cognentese Mirco Melli, dopo il 2-3 subito in casa per mano del...

Dopo il punteggio dell’andata conquistare la salvezza per la Young Boys sarà un compito tutt’altro che semplice. Il presidente del club cognentese Mirco Melli, dopo il 2-3 subito in casa per mano del Quattroville, non demorde e carica i suoi in vista del match di ritorno: «La sconfitta casalinga complica i nostri piani salvezza, questo non significa che abbiamo gettato la spugna. Dovremo andare a Villanova con il coltello tra i denti e, se riusciremo ad approcciare la gara come sappiamo fare ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Dopo il punteggio dell’andata conquistare la salvezza per la Young Boys sarà un compito tutt’altro che semplice. Il presidente del club cognentese Mirco Melli, dopo il 2-3 subito in casa per mano del Quattroville, non demorde e carica i suoi in vista del match di ritorno: «La sconfitta casalinga complica i nostri piani salvezza, questo non significa che abbiamo gettato la spugna. Dovremo andare a Villanova con il coltello tra i denti e, se riusciremo ad approcciare la gara come sappiamo fare, daremo del filo da torcere ai nostri avversari».

Melli non accampa alibi legati all’arbitraggio di Scaglioso di Finale Emilia: «Le due espulsioni di domenica scorsa non devono essere un alibi del risultato negativo. Sicuramente la direzione di gara non è stata esemplare non riuscendo a gestire nel migliore dei modi i momenti critici. Il mio desiderio più grande sarebbe vedere anche al ritorno lo stesso seguito che abbiamo avuto in casa. Avere come sostegno duecento persone sono soddisfazioni che vanno al di là di qualsiasi risultato».

Devis Bellimbusto