Quotidiani locali

Gabana: «Vergognoso l’attacco a Stoytchev»

«La società non si è mai discostata da quella serata in tv: non posso chiamare professionisti quei giocatori. Lascio Modena e Catia a cui auguro ogni fortuna» 

Giulia Gabana, ormai ex vice presidente di Modena Volley, che aveva rilevato il 10% delle quote da Catia Pedrini, abbandona la sua carica con una lettera. In una parte spiega dal suo punto di vista l'ultimo mese di Modena, con particolare attenzione all'esonero di Stoytchev: «Con Catia e Modena Volley ho iniziato l'anno scorso un'avventura carica di passione e felicità, sicura che per me si trattasse di un nuovo inizio. Non voglio entrare nel merito delle scelte della Società, sulle quali ritengo di non dover esprimere alcun giudizio e che rispetto, non essendo alla base della mia rottura con la società; tuttavia ritengo di dover dire la mia sui modi e le circostanze che hanno preceduto e immediatamente fatto seguito alle scelte operate da Catia: si tratta di modalità che trascendono ogni valutazione oggettiva in relazione agli obiettivi perseguiti, ma che per me, e per come sono fatta, sono assolutamente più importanti. Il rispetto delle persone e del lavoro non può mai venire meno. Quanto è accaduto quel martedì sera in una trasmissione televisiva è una cosa vergognosa, una pagliacciata. La Società di cui faccio parte e in cui mi sono impegnata, economicamente e non solo, avrebbe dovuto dissociarsi immediatamente dall’iniziativa e poi, a mente fredda e con i diretti interessati, fare le scelte che riteneva opportune. I toni, le parole spesso lontane dalla verità che sono state usate erano da condannare. Questi ragazzi, difficile oggi per me chiamarli professionisti, potevano e dovevano gestire questa vicenda all'interno del palazzetto con la possibilità di ottenere il medesimo risultato senza superare i limiti del rispetto e della civiltà. Ci tengo inoltre a sottolineare come io sia stata tenuta all'oscuro di tutto, avendo addirittura appreso dal web dell'esonero dell'allenatore. Essere tenuta all'oscuro di tutto dopo aver condiviso per una stagione intera ogni singolo evento, episodio e momento e l’assenza di alcun contatto con me da parte della Società, costituiscono un chiaro segnale per me riguardo la mia permanenza all'interno di Modena Volley. Tutte le considerazioni di cui sopra, i punti di vista diversi, le tolleranze per me non più sostenibili e le eccessive concessioni a favore di persone che dettano legge superando ogni limite consentibile, stanno alla base del mio abbandono.

Sono orgogliosa di aver avuto la possibilità di vivere un anno meraviglioso e per questo ringrazio Catia, pieno di forti emozioni, a volte contrastanti fra di loro, ma che mi hanno fatto ribattere il cuore per questo straordinario sport».

Francesco Cottafava

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro