Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Guidetti senza limiti: Turchia in final six della Nations League

Giovanni Guidetti

«Anche noi non sappiamo come ci siamo riusciti». Dal 27 giugno a Nanchino, in Cina, contro Usa e Serbia

MODENA Non ce la fa, non ce la fa proprio a non stupire e a non ottenere risultati sulla carta inimmaginabii: Giovanni Guidetti arricchisce la sua già indimenticabile stagione (Supercoppa e Coppa di Turchia, scudetto e Champions League con il Vakifbank) tagliando un traguardo dai più ritenuto impossibile, conquistando cioè la qualificazione alla “final six” della Volleyball Nations League.

«È un risultato straordinario, che ha un valore speciale per me e per la Turchia».

Il tecnico modenese è ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA Non ce la fa, non ce la fa proprio a non stupire e a non ottenere risultati sulla carta inimmaginabii: Giovanni Guidetti arricchisce la sua già indimenticabile stagione (Supercoppa e Coppa di Turchia, scudetto e Champions League con il Vakifbank) tagliando un traguardo dai più ritenuto impossibile, conquistando cioè la qualificazione alla “final six” della Volleyball Nations League.

«È un risultato straordinario, che ha un valore speciale per me e per la Turchia».

Il tecnico modenese è da poco più di un anno anche l’allenatore della nazionale del Bosforo.

«Abbiamo iniziato mettendo insieme le giovani più promettenti, ci siamo qualificati per i Mondiali, è vero, ma era difficile immaginare che saremmo entrati tra le prime cinque della fase eliminatoria della Nations League. Devo dire la verità, forse nemmeno noi sappiamo come abbiamo fatto a riuscirci».

Soddisfazione enorme e legittima per il 45enne coach di Modena: «Io sono felice per quello che hanno le mie ragazze, giocano sempre con entusiasmo e con la convinzione di poter battere tutti, non è poco e alla fine paga».

La Turchia di Guidetti ha chiuso la prima fase, strutturata proprio come per il torneo maschile in cinque Pool di 3 incontri ciascuna, con un bilancio di 11 vittorie e 4 sconfitte, battendo tra l’altro gli Stati Uniti, la Cina e l’Italia. Una vittoria, quella sulle azzurre all’inizio della manifestazione, rivelatasi poi determinante per la qualificazione. Ora la “final six” a Nanchino, in Cina, dal 27 giugno: «Gli Usa vorranno vendicare la sconfitta contro di noi, sarà durissima, poi nel girone a tre che ci attende è finita la Serbia, che è fortissima. Ne passano due in semifinale, per noi sarebbe un altro sogno, serve un miracolo, ma di sicuro ci proveremo».

Nell’altro girone sono inserite invece Brasile, Cina, come Paese organizzatore, e Olanda, cioè il meglio al mondo: «Già andarci a Nanchino è qualcosa di meraviglioso, merito delle ragazze, daremo il massimo per fare bella figura e se ci saranno delle opportunità vedremo di sfruttarle».