Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

La gioia degli attaccanti «Ok segnare, ma conta solo che tutto il gruppo cresca»

MONTEFIORINOEcco la gioia del primo gol con la maglia gialloblù per Gustavo “Rulo” Ferretti e Andrea Falanelli: i due attaccanti lo hanno trovato proprio a chiusura delle due settimane di ritiro, il...

MONTEFIORINO

Ecco la gioia del primo gol con la maglia gialloblù per Gustavo “Rulo” Ferretti e Andrea Falanelli: i due attaccanti lo hanno trovato proprio a chiusura delle due settimane di ritiro, il modo migliore per rimettersi al lavoro in città con ancora più entusiasmo. «Sono contento – racconta l’argentino – anche se la cosa più importante è aver visto crescere tutto il gruppo in campo. Per un attaccante segnare è sempre importante, ma tutti noi siamo a Modena per un altro obiettivo: rip ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONTEFIORINO

Ecco la gioia del primo gol con la maglia gialloblù per Gustavo “Rulo” Ferretti e Andrea Falanelli: i due attaccanti lo hanno trovato proprio a chiusura delle due settimane di ritiro, il modo migliore per rimettersi al lavoro in città con ancora più entusiasmo. «Sono contento – racconta l’argentino – anche se la cosa più importante è aver visto crescere tutto il gruppo in campo. Per un attaccante segnare è sempre importante, ma tutti noi siamo a Modena per un altro obiettivo: riportare la società nelle categorie in cui ha sempre giocato. Il bilancio del ritiro è positivo: la squadra cresce, abbiamo lavorato intensamente e in amichevole siamo riusciti a fare ciò che il mister ci aveva chiesto. Questo era ciò che premeva a tutti noi: solo così potremo essere pronti quando inizieranno le gare che contano davvero». Per il giovane Falanelli, nato a Lama, esultare con la maglia del Modena in Appennino ha un sapore speciale: «Una bella sensazione - commenta - in un clima che mi è familiare. Il dovere di noi giovani, in particolare di chi come me sa quanto difficile sarà trovare spazio in una squadra così forte, è quello di dare il massimo ogni volta in cui se ne ha la possibilità. Il gruppo di “over” ci sta aiutando già molto a crescere, noi dobbiamo solo metterci a completa disposizione per continuare a imparare. Qui ci sono persone con carriere importanti alle spalle, essere in gruppo con loro è un onore e un enorme stimolo». —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI