Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Bonacini: «La B a 19? Il Carpi e le altre società avevano scelto a luglio»

Bonacini

Il patron biancorosso: «Con un voto unanime si era deciso per questo format, l’unico che garantisce sostenibilità»



L’indecisione che la fa da padrona in serie B coinvolge, inevitabilmente, anche il Carpi. I biancorossi, come le altre società, dovranno attendere martedì per conoscere il futuro del campionato: dopo la sosta si ripartirà con 19 o 22 squadre? Difficile dare una risposta. Il Consiglio di Garanzia del Coni, chiamato a prendere una decisione, si è concesso un po’ di tempo per dare una risposta.

«Vorranno fare valutazioni più approfondite – così patron Stefano Bonacini – aspettiamo anche noi per ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter



L’indecisione che la fa da padrona in serie B coinvolge, inevitabilmente, anche il Carpi. I biancorossi, come le altre società, dovranno attendere martedì per conoscere il futuro del campionato: dopo la sosta si ripartirà con 19 o 22 squadre? Difficile dare una risposta. Il Consiglio di Garanzia del Coni, chiamato a prendere una decisione, si è concesso un po’ di tempo per dare una risposta.

«Vorranno fare valutazioni più approfondite – così patron Stefano Bonacini – aspettiamo anche noi per capire cosa succederà. Certo è che in tanti anni di calcio non ricordo una situazione del genere».

Il numero uno di via Marx, che è anche consigliere di Lega, spiega la posizione del Carpi: «La posizione del Carpi è la stessa degli altri club. A luglio l’assemblea ha scelto all’unanimità, e ribadisco all’unanimità, di bloccare i ripescaggi e iniziare la stagione con 19 squadre. Una decisione importante, presa non contro a qualcuno ma per la sostenibilità del campionato. Sostenibilità a livello economico che con 22 formazioni non è garantita».

L’inserimento di tre club potrebbe, però, facilitare la corsa alla salvezza dei biancorossi. Nel caso, infatti, dovrebbero essere ripescate Pro Vercelli, Ternana e Siena che non hanno costruito formazioni di primo piano: «Quando ho votato – chiude così Bonacini - non ho pensato ad interessi personali. Credo che mai come in questo momento sia necessario essere coerenti e per questo sono qui a ribadire quella che era stata la scelta di tutte le società del campionato cadetto». Adesso, come detto, toccherà al Consiglio di Garanzia del Coni prendere la decisione definitiva. L’appuntamento dovrebbe essere per la serata di lunedì o al massimo per martedì. Nel caso di B a 22 squadre sarebbe poi necessario stravolgere il calendario tenendo comunque conto dei primi due turni già disputati. —