Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Gli azzurri di Modena illuminano il Foro nella prima Mondiale

Ivan Zaytsev

Giappone liquidato in tre set davanti a un pubblico da favola: 11.170 gli spettatori Partita giocata in una splendida cornice sotto gli occhi del presidente Mattarella

ROMA Un esordio da favola quello dell'Italia ai Mondiali. Nella gara inaugurale della rassegna iridata, la nazionale azzurra schianta il Giappone 3-0 e fa impazzire il Foro Italico di Roma, una bolgia tricolore con 11.170 cuori che battevano uniti per la stessa squadra. Tutto perfetto, dalla partita fino all'organizzazione, con lo scenario del Foro Italico che sarà la fotografia ideale di un Mondiale che vuole stupire il mondo intero. La strada è ancora molto lunga, ma gli azzurri hanno dimo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ROMA Un esordio da favola quello dell'Italia ai Mondiali. Nella gara inaugurale della rassegna iridata, la nazionale azzurra schianta il Giappone 3-0 e fa impazzire il Foro Italico di Roma, una bolgia tricolore con 11.170 cuori che battevano uniti per la stessa squadra. Tutto perfetto, dalla partita fino all'organizzazione, con lo scenario del Foro Italico che sarà la fotografia ideale di un Mondiale che vuole stupire il mondo intero. La strada è ancora molto lunga, ma gli azzurri hanno dimostrato di avere tutte le carte in regola per arrivare fino in fondo e provare a conquistare una medaglia.



Il primo set inizia con un'Italia arrembante e per nulla emozionata dall'esordio tra le mura amiche, nonostante il Foro Italico tutto esaurito offra uno spettacolo veramente unico e da mozzare il fiato anche ai giocatori più esperti. Il primo break della partita lo regala il muro del gialloblù Mazzone (6-4 Italia), poi un altro muro, sempre modenese con Anzani, lancia gli azzurri sul 10-6. Il Giappone reagisce da grande squadra e, approfittando dell'errore di Lanza, pareggia i conti a quota 11. Ivan Zaytsev, però, decide di salire in cattedra e abbatte la nazionale nipponica: attacchi devastanti, grande difesa per il 23-18 e, infine, ace fulminante per il 24-18. Chiude Juantorena, 1-0 Italia. Nel secondo parziale è sempre il muro a fare la differenza, con l'Italia che prova la fuga con Giannelli (15-12) e poi Anzani (18-15). Al festival del muro partecipa anche Mazzone (22-19), poi una bomba di Zaytsev chiude virtualmente il parziale sul 23-19. Mette la parola fine un errore del Giappone e gli azzurri volano sul 2-0. Il terzo set è il più equilibrato, ma ci pensa sempre lo Zar ad indirizzarlo verso gli azzurri. Un ace di Zaytsev vale il 15-13, poi il suo muro vincente porta l'Italia sul 19-16. 22-19 con il muro di Anzani, l'ultimo punto porta la firma di Juantorena e può esplodere la festa.



Gianlorenzo Blengini conferma il blocco modenese che tanto bene ha fatto nelle amichevoli contro la Cina. Titolari Zaytsev, Mazzone ed Anzani. Lo Zar, la nuova stella dell'Azimut Modena, è stato il top scorer dell'incontro con 13 p unti (9 su 16 in attacco) arricchiti da due splendidi ace.

Ottima anche la prova di Anzani, nuovo centrale gialloblù, con 6 punti in attacco e 2 muri vincenti.



Anche il terzo giocatore dell'Azimut ha giocato una grande gara, chiudendo la sfida con 9 punti (7 su 9 in attacco), 2 dei quali a muro. «La prima partita è sempre difficile per tutti - ha spiegato a fine gara Mazzone. Specialmente se la giochi al Foro Italico, per fortuna però non sono uno schiacciatore di palla alta (ride ndr). Lo scenario però era bellissimo e giocare qua dentro è stato molto emozionante. Abbiamo trascorso insieme 3 mesi e mezzo, 2 dei quali a a Cavalese per la preparazione atletica. Si è creato un grande gruppo, tra l'altro in un torneo così lungo ci sarà bisogno di tutti e noi abbiamo una rosa profonda e di grande qualità». —