Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Nel Municipio di Concordia stasera il teatro riflette sul valore della casa

CONCORDIA. Abitare, vivere, esistere: queste le tre parole dal significato distinto, eppure indissolubilmente legate nella percezione comune, dalle quali trae le mosse “Beni Quadrati - Per uno...

CONCORDIA. Abitare, vivere, esistere: queste le tre parole dal significato distinto, eppure indissolubilmente legate nella percezione comune, dalle quali trae le mosse “Beni Quadrati - Per uno stabile diritto dell'immobile”, la quarta delle sei mises en espace in programma nel ricco calendario del progetto Beni Comuni. Lo spettacolo, che tratterà del bene cui forse più di tutti gli altri si ambisce e per il quale si compiono sacrifici che talvolta si protraggono per una vita intera, avrà luo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CONCORDIA. Abitare, vivere, esistere: queste le tre parole dal significato distinto, eppure indissolubilmente legate nella percezione comune, dalle quali trae le mosse “Beni Quadrati - Per uno stabile diritto dell'immobile”, la quarta delle sei mises en espace in programma nel ricco calendario del progetto Beni Comuni. Lo spettacolo, che tratterà del bene cui forse più di tutti gli altri si ambisce e per il quale si compiono sacrifici che talvolta si protraggono per una vita intera, avrà luogo stasera alle 21, presso il Municipio di piazza 29 Maggio. Lo spettacolo - a ingresso gratuito - si pone l'obiettivo di far riflettere gli spettatori «nel rispetto di uno spirito di leggerezza che vuole innervare tutto il lavoro: l'intento è infatti quello di parlare di cose cruciali e fondanti della società contemporanea con uno sguardo leggero», come afferma lo stesso direttore artistico del progetto Beni Comuni Claudio Longhi. Il tema affrontato, questa volta, è quello dell'abitazione. Confucio dice: “La mia casa è piccola ma le sue finestre si aprono su un mondo infinito”. La casa è dunque un osservatorio sul mondo, sulla vita, da cui generare una personale prospettiva, è una prima distinzione tra fuori e dentro, tra sé e gli altri, tra piccole comunità. Lo spettacolo Beni Quadrati intende dunque aprire una di quelle finestre, affacciarsi sul mondo e interrogarsi su cosa significhi oggi abitare, su cosa la casa rappresenti per ognuno di noi e sul suo valore in quanto bene comune. Un tema ancora più importante per il Comune di Concordia sulla Secchia, luogo della mise en espace, tra i centri più martoriati dagli eventi sismici del maggio 2012: a Concordia, così come negli altri Comuni del cratere, la casa acquisisce una valenza, oltre che simbolica, anche ferocemente concreta.