Quotidiani locali

al victoria

Cevoli, prima con Paola Lavini per il debutto come regista

Era presente al cinema Victoria di Modena anche il protagonista-regista Paolo Cevoli, insieme a Paola Lavini, altra attrice, alla “prima” del film “Soldato semplice” (un patacca al fronte) che è...

MODENA. Era presente al cinema Victoria anche il protagonista-regista Paolo Cevoli, insieme a Paola Lavini, altra attrice, alla “prima” del film “Soldato semplice” (un patacca al fronte) che è uscito nelle sale italiane nella giornata di giovedì. A salutare i due ospiti il sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli. Cevoli ha creato un po' di scompiglio all'interno della multisala modenese, ma è stato disponibile a mettersi in posa per alcuni scatti fotografici. Ha fatto naturalmente campagna elettore per il suo film cercando di invogliare i ragazzi a vedere “Soldato semplice” piuttosto che “Fast e Furious 7”.

Un film, quello di Cevoli, che ha visto l'esordio del comico romagnolo in veste di regista. Alla fine della proiezione il pubblico ha applaudito la pellicola ma lui era già volato a Bologna per essere presente in altre due sale. Chi si aspettava un Cevoli solamente comico si è trovato invece davanti a “un personaggio ironico ma anche commovente” come aveva anticipato Cevoli in sala. Un film che si colloca tra le pellicole dedicate alla Grande Guerra girato tra le bellissime montagne nei dintorni di Bormio.

Un debutto più che accettabile per il regista alla sua prima esperienzaesperienza. Soddisfatta anche la maranellese Paola Lavini, circondata da parenti e amici per questa “prima” modenese. Paola è tra i protagonisti anche di un altro film uscito giovedì: “Tempo instabile con probabili schiarite” di Marco Pontecorvo che vede tra i protagonisti anche Luca Zingaretti e John Turturro.

Paolo Cevoli presenta il suo film Paolo Cevoli con Paola Lavini al Victoria per presentare il suo film "Soldato semplice" che segna anche il suo debutto come regista. Accanto a lui la protagonista femminile, l'attrice di Maranello Paola Lavini. Intervista di Nicola Calicchio. Video di Benito Benevento  

“Soldato semplice” ci riporta al 1917. Siamo nel pieno della Grande Guerra. Gino Montanari è un maestro elementare romagnolo, ateo, anti-interventista e donnaiolo. A causa delle sue idee ed i comportamenti libertini, viene costretto dal preside ad arruolarsi volontario nonostante che Gino abbia da tempo superato l'età della leva obbligatoria. La guerra passa in secondo piano e lascia il ruolo da protagonista ad un intreccio di vite umane che mettono in scena le differenze e tipicità dell'Italia di quegli anni.

Nicola Calicchio

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik