Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Basilica di S. Cesario: la Londra fine 700 rivive con la musica

 Stasera, 7 maggio, alle 21.15, presso la Basilica di San Cesario si terrà l’ultimo appuntamento della rassegna Note di Passaggio, organizzata e curata dagli Amici della Musica di Modena....

SAN CESARIO. Stasera, 7 maggio, alle 21.15, presso la Basilica di San Cesario si terrà l’ultimo appuntamento della rassegna Note di Passaggio, organizzata e curata dagli Amici della Musica di Modena. Protagonista del concerto sarà il trio formato da Ulrike Slowik al violino, Anna Camporini al violoncello e Giovanni Paganelli al fortepiano: tre giovani talenti dagli interessi poliedrici, specializzati nell’esecuzione del repertorio barocco e classico su strumenti originali.

I musicisti vantano ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN CESARIO. Stasera, 7 maggio, alle 21.15, presso la Basilica di San Cesario si terrà l’ultimo appuntamento della rassegna Note di Passaggio, organizzata e curata dagli Amici della Musica di Modena. Protagonista del concerto sarà il trio formato da Ulrike Slowik al violino, Anna Camporini al violoncello e Giovanni Paganelli al fortepiano: tre giovani talenti dagli interessi poliedrici, specializzati nell’esecuzione del repertorio barocco e classico su strumenti originali.

I musicisti vantano in curriculum esperienze importanti e collaborazioni con formazioni e ensemble di assoluto prestigio a livello europeo, come La Risonanza, Dresdner Barockorchester, Neues Barockorchester Berlin, Freiburg Baroque Orchestra, La Pietà dei Turchini, nonché incisioni per Deutsche Grammophon, Sony e Urania Records. 

Il programma, che spazia dallo stile galante al pieno classicismo, prende spunto dal fortepiano utilizzato durante il concerto, realizzato nel 1786 da Broadwood (uno dei marchi storici più rinomati nella costruzione degli strumenti a tastiera, prediletto anche da Beethoven) e rievoca il dinamismo intellettuale e culturale della Londra di fine '700 filtrato attraverso i compositori che ne hanno animato la vita musicale.

Si ascolterà quindi una Sonata scritta da Haydn nella piena maturità e un lavoro composto da Mozart a soli 8 anni, ma anche due brani di compositori meno eseguiti, come Johann Christian Bach e Karl Friedrich Abel, che diedero vita proprio a Londra nella seconda metà del '700 ai Bach-Abel Concerts, la prima stagione inglese di concerti in abbonamento.

All'inizio del concerto, insieme ai musicisti, si esibiranno anche alcune classi quinte della scuola primaria di San Cesario, che hanno partecipato nelle scorse settimane a un percorso laboratoriale tenuto da Giada Gallo, nell'ambito del progetto AdM per le Scuole.

Prima del concerto, alle ore 20, si terrà la visita guidata a Villa Boschetti, con ritrovo davanti all’ingresso della Villa, in Corso Libertà, 49; è gradita conferma di partecipazione da parte degli interessati entro le ore 13 di oggi all’indirizzo: info@amicidellamusicamodena.it o ai numeri 329/6336877 o 335/8114393. Il concerto è realizzato con il contributo finanziario del Comune di San Cesario sul Panaro, della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e della Regione Emilia Romagna. 

L’ingresso è gratuito.