Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Le scuole Ferraris sul podio del concorso sui beni culturali

MODENA. Piccoli archivisti crescono? Parrebbe propri così. Recentemente gli studenti di tutte le classi della scuola media “Ferraris” di Modena hanno vinto il concorso regionale indetto dall'Istituto...

MODENA. Piccoli archivisti crescono? Parrebbe propri così. Recentemente gli studenti di tutte le classi della scuola media “Ferraris” di Modena hanno vinto il concorso regionale indetto dall'Istituto Beni Culturali dell'Emilia Romagna “Io amo i beni culturali” in collaborazione con l'Archivio comunale di Modena diretto da Franca Baldelli grazie al progetto “Nel meraviglioso mondo delle piante dimenticate”. Un percorso che ha riscosso grande entusiasmo da parte degli studenti delle Ferraris p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. Piccoli archivisti crescono? Parrebbe propri così. Recentemente gli studenti di tutte le classi della scuola media “Ferraris” di Modena hanno vinto il concorso regionale indetto dall'Istituto Beni Culturali dell'Emilia Romagna “Io amo i beni culturali” in collaborazione con l'Archivio comunale di Modena diretto da Franca Baldelli grazie al progetto “Nel meraviglioso mondo delle piante dimenticate”. Un percorso che ha riscosso grande entusiasmo da parte degli studenti delle Ferraris presenti ieri mattina in Archivio alla conferenza di presentazione degli elaborati che saranno esposti ad una mostra allestita al primo piano di Palazzo dei Musei tra il 28 e il 29 maggio prossimi.

Nel corso dell'anno scolastico 2015 - 2016 hanno preso parte alle attività promosse dall'Archivio comunale in tutto 51 classi di 18 scuole modenesi comprese le Ferrarsi. «È stata una bella esperienza - ha dichiarato Franca Baldelli che da molti anni coinvolge le scuole di Modena nelle molteplici attività dell'Archivio - e il conseguimento del primo posto nel concorso è la riprova della validità di un percorso che valorizza un vasto patrimonio archivistico di cui tanti ignorano l'esistenza; da anni le Ferraris collaborano con l'Archivio comunale con esiti più che soddisfacenti assimilabili ad un percorso di educazione civica che è forse la formula migliore per creare i cittadini di domani». La ricerca storica e documentaria che ha valso la vittoria al concorso IBC agli studenti della Ferraris è stata incentrata sulle piante come il baco da seta, il castagno, le spezie, il riso, le risaie nel modenese, l'alberatura a Modena nel 1700, la storia del Giardino Pubblico le siepi e i giardini privati nell'Ottocento. Il progetto ha visto anche il coinvolgimento di altri partner e di altri soggetti come le scuole primarie Collodi e San Giovanni Bosco, il Consorzio della Bonifica di Burana, l'Azienda agricola Zannini “Luppolo autoctono di Marano sul Panaro” e altri enti culturali come l'Accademia di Scienze Lettere ed Arti, il Museo universitario Gemma 1786, l'Orto botanico, il centro museale di Montecuccolo di Pavullo, la Biblioteca Estense e l'Associazione fondata da genitori di allievi di tutte le scuole media di Modena “Città & Scuola”. L'Archivio comunale inoltre ha collaborato con quattro classi del Liceo Scientifico Tecnologico Fermo Corni nell'attività di tirocinio di quattro settimane in ottemperanza alla nuova legge che prevede 300 ore triennali di alternanza scuola lavoro.