Quotidiani locali

Ultimi tre giorni in fiera a Modena per un tour nel passato: mobili rari, arte e Petra

Ultimi tre giorni (fino a domenica 19 febbraio dalle 10.30 alle 20; biglietto d'ingresso 15 euro, ridotto 12 se si acquista online) per Modenantiquaria che accoglie il fior fiore dei mobili antichi,...

MODENA. Ultimi tre giorni (fino a domenica 19 febbraio dalle 10.30 alle 20; biglietto d'ingresso 15 euro, ridotto 12 se si acquista online) per Modenantiquaria che accoglie il fior fiore dei mobili antichi, ceramiche, gioielli, e soprattutto dipinti e sculture di pregio che attraversano oltre cinque secoli di storia.

Ma si va ben oltre, se si pensa che in mostra c'è una maschera funeraria egizia che risale a duemila anni fa, realizzata in cartonnage, tecnica che impone l'applicazione di fogli di lino o di papiro, incollati tra loro e poi dipinti. Ammirazione meritano, tra gli altri, presso la Galleria Robilant+Voena, che lavora a Milano, Londra e St. Moritz, i quadri “S. Pietro pentito” e “Maria Maddalena nel deserto” del Guercino di cui è stata ritrovata proprio ieri la grande opera trafugata due anni fa dalla chiesa di San Vincenzo di Modena.

Sarà per il visitatore un viaggio tra meraviglie del passato messe in evidenza dai 100 antiquari, alcuni provenienti dall'estero. E la presenza modenese è data da Cantore e Antichissima di via Ganaceto di Modena, Camellini di Sassuolo, Giusti di Formigine, Ossimoro di Spilamberto e Passioni e Segreti di Maranello.

La manifestazione, giunta alla 31esima edizione, ama da molti anni arricchirsi di una sezione, dal nome “Excelsior”, dedicata alla pittura dell'Ottocento e della prima metà del Novecento, con un ampio panorama della scuola napoletana, veneta e lombarda, nonché di movimenti d'avanguardia del secolo scorso.

C'è pure il Salone di Antiquariato per parchi e giardini, chiamato “Petra”, dove pezzi di architettura (colonne, capitelli, fontana), pavimentazioni, vasi antichi, porte, cancelli, inferriate consentono di intervenire, per un tocco di classe, in case di vacanze, e negli spazi verdi.

Da non perdere, domani alle 17, la presentazione del volume di Francesca Candi “D'Après le Guide. Incisioni seicentesche

da Guido Reni”. Dopo il saluto di Carlo Orsi, presidente dell'Associazione Antiquari d'Italia, interveranno Andrea Bacchi, direttore della Fondazione Federico Zeri, Daniele Benati, docente all'Università di Bologna, e l'autrice. Moderatore Leonardo Piccinini. (m.f.)

 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LA PROMOZIONE

Pubblicare un libro gratis