Quotidiani locali

Vai alla pagina su Vascomania, Emotion

Modena, la notte della Steve Rogers Band

Al Gilda con Elmi, Solieri e altri musicisti rievocato il mitico concerto dell’87 al Picchio RossO

Maurizio Solieri: "Io, la Steve Rogers Band e... Vasco" A tu per tu con Maurizio Solieri, ospite con la Steve Rogers Band di una serata evento che si è tenuta al Gilda di Modena. occasione per riascoltare la band che per anni ha affiancato Vasco Rossi e ricordare come è nata la band, raccontarne la storia. Ed ovviamente un pensiero non può che arrivare a "Modena Park" il concerto con Vasco del 1 luglio a Modena. Video di Gino Esposito, intervista di Nicola Calicchio

MODENA. Quarant'anni di musica ed essere ancora protagonisti. È stato il Gilda Club di Modena ad ospitare una nuova festa per il quarantennale del Picchio Rosso, che ha visto la presenza (oltre che di Mario Boni, proprietario del locale formiginese) di musicisti che al Picchio erano di casa. Si tratta dello “zoccolo duro” della Steve Rogers Band e di Guido Elmi, da tantissimi anni al fianco di Vasco Rossi, e inventore del nome del gruppo. “Maurizio Solieri Gang canta la Steve Rogers Band”, questo il nome dell'evento, che ha fatto registrare il tutto esaurito. La serata è stata dedicata al concerto, rimasto negli annali, che la Steve Rogers Band tenne nel 1987 al Picchio Rosso.

Prima dell'esibizione Clarissa Martinelli di Radio Bruno ha intervistato Guido Elmi facendogli raccontare episodi del passato senza riuscire, però, a strappargli nemmeno una piccola indiscrezione sul concerto del prossimo 1 luglio di Vasco al parco Ferrari. «Ci sono lavori in corso», questa la telegrafica risposta di Elmi. Subito dopo è salito sul palco il gruppo di Maurizio Solieri (alla chitarra) che ha visto al suo fianco anche gli ex Steve Roges Band, Mimmo Camporeale (tastiere) e Beppe Leoncini (batteria), più altri musicisti. Circa un'ora per raccontare la storia musicale del gruppo attraverso le canzoni di album come “I duri non ballano” e “Alzati la gonna”.

«Seguo la Steve fin dai primi anni Ottanta - spiega Silvia - e stasera non potevo mancare. È una delle poche occasioni per vedere insieme sul palco un pezzo di storia della musica emiliana. Spero che ci siano altre occasioni come queste». «Non si è trattato di una rimpatriata - ha detto Solieri a fine serata - Abbiamo voluto fare un concerto per ricordare una indimenticabile serata al Picchio Rosso di molti anni fa. La band è nata in studio mentre stavamo preparando l'album “Colpa d'Alfredo”.

C'era anche Guido Elmi che, rispondendo al telefono ad una fans di Vasco, disse di chiamarsi Steve Rogers. Nacque così l'idea di dare il nome alla band». Tanti anni al fianco di Vasco, a Maurizio Solieri sarebbe sicuramente piaciuto salire sul palco del Ferrari il 1 luglio ma, al momento, non è prevista la presenza di vecchi musicisti né di ospiti. «Sarà un bellissimo concerto con oltre 200mila persone - dice senza rammarichi. È quello che vuole il pubblico oggi, partecipare esclusivamente ai grandi eventi. E questo lo sarà».

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik