Quotidiani locali

Carpi, Grandangolo Bfi festeggia 40 anni con due mostre

Si inaugureranno oggi alle 17 al’Auditorium San Rocco le due mostre del Gruppo Fotografico Grandangolo Bfi (Benemeriti Fotografia Italiana): da un lato FotoCarpi17, il progetto annuale dell’as...

CARPI Si inaugureranno oggi alle 17 al’Auditorium San Rocco le due mostre del Gruppo Fotografico Grandangolo Bfi (Benemeriti Fotografia Italiana): da un lato FotoCarpi17, il progetto annuale dell’associazione con tema “Capolinea”, dall’altro “I nostri primi 40 anni”, la mostra documentaria che, ripercorrendo le quattro decadi dell’associazione nata nel 1977, offre anche uno spaccato della vita e dei mutamenti avvenuti nella comunità cittadina.

Con Capolinea si intende, in generale, la fine di un viaggio, l'arrivo, una conclusione che potrebbe essere anche solo l’occasione per un nuovo avvio: il viaggio fotografico dei 27 autori che, partecipando all’edizione 2017 di FotoCarpi, si sono confrontati con questa tematica è iniziato con lo studio dei progetti dei fotografi Andrea Taschin, Filippo Venturi e Giancarla Lorenzini, che hanno aiutato il gruppo ad ampliare il proprio sguardo verso un capolinea “altro”. Un tema potente che ha richiesto di non soffermarsi al concetto primario di capolinea, ma di oltrepassarlo. Per quanto riguarda, invece, I nostri primi 40 anni, la mostra sarà suddivisa in quattro decenni, ognuno dei quali caratterizzato da un titolo che attraverserà tutti gli anni e, al contempo, li differenzierà da quelli successivi.

Gli inizi 1977-1987 racconterà il primo decennio di attività, caratterizzato da approcci alla didattica della fotografia con la proposta di corsi e proiezioni di immagini, alla nascita dei concorsi nazionali e della grande mostra sul Ciclismo Carpigiano del 1981; in Nuovi Orizzonti 1987-1997, il Grandangolo si apre verso una dimensione più ampia, confrontandosi con la realtà europea; con Mettersi in Mostra 1997-2007, il fotoclub si confronta poi con il mondo delle esposizioni.


Infine, si passa a ”Sperimentazioni 2007-2017”, l’ultimo decennio che ha visto la nascita e lo sviluppo di nuove possibilità, dalle collaborazioni con curatori quali Luca Panaro alla creazione di percorsi legati all’opera di grandi autori come Cresci, Vaccari, Ventura,

fino alle più recenti proposte di Workshop e mostre, nonché gemellaggi con importanti Fotoclub. Le mostre saranno visitabili in Auditorium San Rocco fino a domenica 4 giugno, tutti i giovedì dalle 10.30 alle 12.30, il sabato, la domenica, i festivi dalle 10.30 alle 12.30, dalle 16.30 alle 19.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista