Quotidiani locali

Modena, via alla festa Pd con i Musicanti di San Crispino

La Festa di Ponte Alto si apre stasera con la band itinerante “I musicanti di San Crispino” che si consumeranno le suole (San Crispino è il patrono dei calzolai) tra gli stand

MODENA. La Festa del Pd di Ponte Alto si apre stasera con la band itinerante “I musicanti di San Crispino” che si consumeranno le suole (San Crispino è il patrono dei calzolai) tra gli stand, in attesa del tradizionale spettacolo piromusicale.

Musica, goliardia, atmosfere surreali: questi gli elementi di uno spettacolo che sarà all’insegna del buonumore. Un susseguirsi di scene a tratti grottesche e demenziali mescolate alla esuberanza sonora dei Musicanti. Dalla musica tradizionale a quella di stampo elettronico, il gruppo approda a sonorità desuete, ricche di contaminazioni. Gli interessanti contrasti stilistici lasciano campo libero alla sperimentazione timbrica sempre in chiave ironica ma senza mai rinunciare alla semplicità.

A fare da sfondo, l’amore viscerale per tutto ciò che è ritmo, sia esso rappresentato da esplosive sequenze percussive o semplicemente nascosto fra la tessitura armonica degli ottoni; un amore che rimane la vera anima musicale del gruppo.

I Musicanti di San Crispino sono nati sull’esempio dei suonatori girovaghi del secolo scorso. Il gruppo è in vita dal Duemila. In origine furono due elementi fondatori con la voglia di suonare per le strade e l’idea del nome del gruppo dal sapore antico come omaggio al santo protettore dei calzolai. Un terzo amico si aggrega alla prima “zingarata” (2000) nel corso principale di Modigliana (FC). Poi un quarto e un quinto agli appuntamenti seguenti e così via, fino alla formazione attuale; fra ottoni, legni, percussioni e chitarra un totale di 15/16 elementi. Tutti in canotta e fazzoletto a quattro nodi. In repertorio sin da subito,

valzerini e polke della tradizione romagnola e non. Poi alcuni funkettoni stile New Orleans, sigle tv, brani popolari italiani e stranieri, un po’ di raggae e ska, sempre ispirati al suono delle bande balcaniche, per arrivare alla disco-music e la techno negli ultimi anni.
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie