Quotidiani locali

Guida Espresso: la Francescana di Modena sempre prima

Il locale di via Stella a Modena trionfa anche per la sala e per il miglior pranzo dell’anno. Ottima postazione per Erba del Re. Confermato con due cappelli Il Grano di Pepe. Smorfia pizzeria top

Guide Espresso, Bottura: "Oggi l'Italia sta esprimendo una cucina straordinaria" Lo chef dell'Osteria Francescana di Modena Massimo Bottura viene insignito del premio per il miglior pranzo, nel corso della presentazione della nuova edizione delle Guide dell'Espresso: "Non è vero che la cucina italiana è influenzata dal nord Europa. L'Italia in questo momento sta esprimendo qualcosa di assolutamente straordinario e tutto il mondo ce lo sta riconoscendo. Noi chef che viaggiamo - prosegue Bottura - esprimiamo una cucina profondamente legata al nostro territorio ma filtrata da un pensiero contemporaneo. Ed è tutto frutto del lavoro di squadra, alla fine è questo quello che conta"Video di Francesco Giovannetti e Andrea Lattanzi

MODENA. Per il settimo anno consecutivo l’Osteria Francescana trionfa nella Guida Espresso Ristoranti d’Italia. Nell’edizione 2018, quella dei 40 anni, Bottura e la sua squadra portano in alto Modena non solo per i Cinque Cappelli nel gotha dei fornelli italiani ma anche per “Il pranzo dell’anno” (dodici anni dopo la prima volta) la “Miglior sala d’Italia”, quella capitanata dal maitre e sommelier Beppe Palmieri.

Casa Surace in cucina nel Refettorio di Bottura, ironia antispreco per la Giornata contro la povertà Un video ironico per educare con il loro inconfondibile stile a non sprecare il cibo. E' stato realizzato da Casa Surace, la social community da oltre un milione di fans, per la Giornata internazionale per l'eliminazione della povertà. I ragazzi sono inoltre protagonisti di un appuntamento speciale al Refettorio Ambrosiano ideato dallo chef Massimo Bottura, dove prepareranno pasti caldi per i bisognosi secondo le regole della cucina del grande chef che ha esportato il modello del refettorio di Milano in diverse città del mondo, puntando sullo spreco zero. Con la collaborazione di Coop Lombardia e di Caritas, quelli di Casa Surace realizzeranno un piatto partenopeo utilizzando le eccedenze alimentari del Supermercato del Futuro Coop
(video da Facebook di Casa Surace)


Tanti i cappelli che si levano a Modena città. Lo prende anche la Franceschetta 58, il locale di via Vignolese del quale è socio Bottura, il cappello è assegnato proprio perché «sempre più autonoma e con un proprio carattere la “piccola” di casa Bottura”».

Modena, Massimo Bottura progetta un b&b Lo chef pluripremiato ha acquistato un terreno alle porte della città emiliana. S'inseguono le ipotesi: Bed & Breakfast o resort? Sarà una pista di atterraggio per gli elicotteri? Lui non si sbottona: "Al momento pensiamo a disboscare"

leggi anche:



Un cappello assegnato all’Hosteria Giusti, tempio della tradizione culinaria più golosa e invitante.

E due cappelli vanno all’Erba del Re di Luca Marchini, valutato riduttivamente in chiave di ex allievo di Bottura, in realtà autore di un impressionante exploit negli anni che ha rivoluzionato sia la cucina che la sala, con attenzione per la sala, verso scelte completamente personali e autonome dal suo apprendistato.

Chef Bottura: "Ecco il refettorio di Londra. Per gli ospiti gelato di the ai biscotti" Massimo Bottura dopo Rio, Milano, Modena apre un nuovo refettorio della fondazione "Soul for food" a Londra. Eccolo entusiasta nello spiegare la nuova mensa per i poveri, per i quali ha anche creato un originale gusto di gelato "The con biscotti". Videointervista di Maria Vittoria Melchioni. Montaggio Gino Esposito Il nuovo refettorio

Niente capello ma ottime recensioni per Il Luppolo e l’Uva e per Strada Facendo. Soprattutto il secondo locale è al centro di un giudizio a volte contrastato ma di apprezzamento.

Passando in provincia Il Grano di Pepe di Rino Duca a Ravarino conferma la posizione dello scorso anno mantenendo i due cappelli. Ancora una volta elogi al raffinato connubio tra due cucine, quella modenese e quella palermitana che trovano in Duca uno degli chef più creativi del territorio emiliano.

leggi anche:

Sulla Guida una scheda anche per I Laghi a Campogalliano, rifugio di quel grande talento che è Paolo Reggiani. A Carpi unico ristorante segnalato è Il 25 dalla «cucina esperta e abile» in un ambiente tradizionale di classe. Un cappello per Carlo Alberto Borsarini, chef della Lumira di Castelfranco, per «animo tradizionale e divagazioni creative». “Schedata” l’Osteria La Cavazzona per i suoi piatti della tradizione con tanto balsamico tradizionale.

Una segnalazione lusinghiera spetta anche all’Osteria Secchia di Concordia, uno dei pochi locali della Bassa modenese sulla guida, locale che schiude «nuovi orizzonti».

Un cappello non poteva mancare anche per Giovanna Guidetti de La Fefa di Finale, «un punto di riferimento del territorio» nonostante le ferite del sisma ancora vistose.

Cà Cerfogli si riconferma ancora una volta ristorante di punta del nostro Appennino per i cultori del buon fungo e della buona carne.

Uno spazio a sé è assegnato alla Smorfia di Nonantola, la pizzeria è ancora indicata tra le migliori d’Italia, una delle epoche della regione.

Infine, sempre ai massimi livelli l’Hotel San Rocco di Sestola con Bertoli e il suo menù fisso di 15 assaggi con prodotti locali di alta qualità. (c.g.)
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon