Quotidiani locali

al michelangelo 

Fantateatro apre la stagione ragazzi

Oggi alle 17 “La lampada di Aladino” diretta da Alessandra Bertuzzi

MODENA. Si apre al Teatro Michelangelo la rassegna dedicata ai più piccoli con la Compagnia Fantateatro che porta in scena il primo dei dieci spettacoli previsti in cartellone. Alle 17 di oggi in scena “La lampada di Aladin”, il simpatico lestofante incaricato da uno stregone di recuperare la misteriosa lampada posta all’interno di una caverna piena di trappole. Il giovane scoprirà che la lampada permette di evocare un Genio in grado di esaudire i suoi desideri, ma prima dovrà fare i conti con lo stregone e la sua ira. «La lampada di Aladin - spiega Alessandra Bertuzzi, attrice e regista dello spettacolo - è una storia che viene da lontano da un paese diverso con una cultura diversa dalla nostra. Riteniamo importante raccontare storie che arrivano da altre culture, non solo ci catapulta in un epoca di magia e mistero ma ci insegna ad avere fiducia in noi stessi, perché anche il tesoro più grande ha bisogno di un cuore puro e umile per essere amministrato».

Quali sono i temi più importanti che affronta la rassegna proposta da Fantateatro?

«Affrontiamo numerosi temi per offrire al nostro pubblico uno spettro variegato di emozioni e insegnamenti. Rivolgendoci ad un pubblico di giovane età cerchiamo di trasmettergli temi universali in modo semplice e divertente. Così dopo aver visto il Piccolo Principe avranno imparato il valore dell’amicizia, dopo aver visto la Sirenetta la bellezza delle diversità o ancora con Tato lupo e i tre porcellini conosceranno il rispetto della natura e l’ecologia».

Che risposta
vi aspettate dal pubblico modenese?


«Il pubblico modenese ci ha già dato tanto calore negli anni passati, speriamo che questo seguito continui e aumenti nel tempo perché adoriamo questa città che ha sempre saputo accoglierci con entusiasmo». (nic.cal.)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista