Quotidiani locali

La legalità messa in scena con l’attore Lino Guanciale

Domani sera allo Storchi, a ingresso gratuito, letture e dibattito con esperti «Ci facciamo promotori culturali per un teatro veicolo di formazione»

MODENA. Legalità. C’è un tema oggi più importante nel dibattito quotidiano? Risposta facile, pensando che ci sono neo consiglieri regionali che poche ore dopo avere raccolto nelle urne migliaia di voti vengono arrestati, com’è avvenuto in Sicilia. Oppure aree d’Italia - è il caso di Ostia, ma non solo - dove ci sono interi quartieri nei quali lo Stato fatica a entrare figurati ad applicare le leggi.

A Modena casi così limite non ce ne sono, anche se la criminalità organizzata è comunque ben presente, ma viene utile lo stesso l’iniziativa di Emilia Romagna Teatro (Ert) “L’Italia e il suo dopo: Modena ieri, oggi e domani” che nel suo secondo appuntamento - domani sera alle 21 al Teatro Storchi di largo Garibaldi, ingresso gratuito - affronta appunto il tema della “legalità”. E lo affronta alternando le parole stile talk show alla recitazione di un attore noto, che nel caso in questione sarà Lino Guanciale, attore che bene rappresenta l’idea immaginata dal direttore di Ert Claudio Longhi di proporre un “teatro fuori dalle mura”.

Guanciale - da anni collabora con Ert con “Ratto d’Europa”, “Carissimi padri”, “Un bel dì saremo” e il 31 gennaio porterà allo Storchi una riscrittura del film “La classe operaia va in paradiso” realizzata insieme allo scrittore Paolo di Paolo - spiega che accadrà in scena:

«Manteniamo una sorpresa su quanto abbiamo deciso di leggere davanti al pubblico, saranno testi letterari ispirati alla legalità ma non solo. Insieme a personalità delle istituzioni solleciteremo il pubblico, portando in campo l’esperienza valoriale attraverso il teatro. Si tratta di teatro partecipato o di teatro fuori dalle mura appunto, uno slogan efficace che vuole significare come la recitazione possa dare un contributo importante alla polis».

Lino Guanciale - attore del momento, ha in uscita il 16 novembre il film “La casa di famiglia” e sta lavorando ai sequel di “Non dirlo al mio capo”, “L’Allieva”, “La porta Rossa” - ragiona anche sul ruolo di attore: «Diamo una immagine diversa del nostro mestiere, ci facciamo promotori culturali per un teatro veicolo di formazione, su temi sensibili come appunto il rispetto delle leggi».

La serata dello Storchi è costruita alternando sul palcoscenico varie figure, l’esperto insieme a politici, chiamati ad analizzare il tema oggetto dell’incontro e magari a proporre soluzioni per risolverlo. Sul palco, moderati dal direttore della Gazzetta di Modena Enrico Grazioli, domani ci sarà anche il comandante provinciale della Guardia di Finanza Pasquale Russo insieme all’assessore alla cultura della
Regione Massimo Mezzetti e quello comunale al bilancio Andrea Bosi. Le loro opinioni verranno appunto alternate con le letture dell’attore Lino Guanciale.

Info. Emilia Romagna Teatro Fondazione tel. 059.2136011, www.emiliaromagnateatro.com e www.unbeldisaremo.it. (s.l.)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon