Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

“Dachicochè”, con il dialetto il Natale è tutto da ridere

CARPI. L'esilarante spettacolo di Natale in dialetto “Dachicochè” andrà in scena, alle 21 di oggi, al Teatro Comunale di Carpi. Sketch, poesie canzoni con personaggi divenuti negli anni patrimonio...

CARPI. L'esilarante spettacolo di Natale in dialetto “Dachicochè” andrà in scena, alle 21 di oggi, al Teatro Comunale di Carpi. Sketch, poesie canzoni con personaggi divenuti negli anni patrimonio della città dei Pio. E' il frutto del Forum Dialetto, progetto voluto dall’assessorato alla Cultura e sostenuto dalla Consulta Cultura. Ed ecco come è nato “Dachicochè”, ossia ‘da queste parti’, che mette insieme coloro da anni recitano, cantano e scrivono nell'idioma cittadino e giovani promesse d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CARPI. L'esilarante spettacolo di Natale in dialetto “Dachicochè” andrà in scena, alle 21 di oggi, al Teatro Comunale di Carpi. Sketch, poesie canzoni con personaggi divenuti negli anni patrimonio della città dei Pio. E' il frutto del Forum Dialetto, progetto voluto dall’assessorato alla Cultura e sostenuto dalla Consulta Cultura. Ed ecco come è nato “Dachicochè”, ossia ‘da queste parti’, che mette insieme coloro da anni recitano, cantano e scrivono nell'idioma cittadino e giovani promesse di attori e attrici dialettali, con l’obiettivo di ricomporre il divario tra queste due generazioni. Per questo l’importante collaborazione con le Cagne Pelose, rock band che da anni propone cover di brani famosi rivisitati con testi rigorosamente in dialetto. Lo spettacolo promosso dall’Associazione culturale Aporie offre uno spaccato fedele e divertente della società contemporanea e del ruolo che il dialetto continua, anche oggi, a rivestirvi. La regia è affidata a Grazia Gamberini con l’aiuto regia di Elisa Lolli. L’ingresso è gratuito.