Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sorrentino ci porta nel Trecento alla scoperta del Duca Passerino

MODENA. Da domani con la Gazzetta di Modena è in vendita (a richiesta, a 15 euro) il libro “Il Duca Passerino - L’epoca d’oro del ghibellinismo in Italia attraverso la figura di Rainaldo Bonacolsi,...

MODENA. Da domani con la Gazzetta di Modena è in vendita (a richiesta, a 15 euro) il libro “Il Duca Passerino - L’epoca d’oro del ghibellinismo in Italia attraverso la figura di Rainaldo Bonacolsi, signore di Mantova e Modena”, dell'autore modenese Gabriele Sorrentino (Editore: Associazione culturale Terra e Identità, via Prampolini 69, Modena, tel. 389/8348934). È la storia avventurosa e tragica di Rainaldo detto Passerino, ultimo esponente della famiglia Bonacolsi, dal 1312 al 1328 dispoti ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. Da domani con la Gazzetta di Modena è in vendita (a richiesta, a 15 euro) il libro “Il Duca Passerino - L’epoca d’oro del ghibellinismo in Italia attraverso la figura di Rainaldo Bonacolsi, signore di Mantova e Modena”, dell'autore modenese Gabriele Sorrentino (Editore: Associazione culturale Terra e Identità, via Prampolini 69, Modena, tel. 389/8348934). È la storia avventurosa e tragica di Rainaldo detto Passerino, ultimo esponente della famiglia Bonacolsi, dal 1312 al 1328 dispotico signore di Mantova che, sotto il suo governo, raggiunse la sua massima espansione territoriale, con l’acquisizione di Modena, Carpi e del loro territorio. Rainaldo fu uno dei principali leaders del partito ghibellino, assieme a Can Grande della Scala, Matteo e Galeazzo Visconti e Castruccio Castracani, trionfatori nella famosa battaglia di Altopascio. Per questo motivo si servì dei suoi possedimenti modenesi come base privilegiata per avventuristiche scorribande, tra cui spiccano l’uccisione di Raimondo Da Spello (1313), nipote di papa Clemente V, e la famigerata battaglia di Zappolino (1325) dove i modenesi inflissero ai bolognesi una sconfitta bruciante, appropriandosi della Secchia Rapita, il bizzarro trofeo tuttora conservato nel Palazzo Comunale. Rainaldo lasciò a Mantova una delle più raffinate compilazioni normative del Trecento padano, Gli Statuti. All’apice del suo potere, fu tradito proprio da uno dei suoi principali sostenitori, Luigi Gonzaga. Questi guidò la rivolta che il 16 agosto 1328, eliminò Passerino e spazzò via la signoria bonacolsiana, iniziata sotto Pinamonte nel 1272. Nemmeno dopo morto, però, l’ultimo Bonacolsi poté riposare in pace: il suo cadavere, mummificato, divenne infatti uno dei principali cimeli di casa Gonzaga. Gabriele Sorrentino (Modena, 1976) si è laureato in Scienze Politiche con la tesi “La nascita dell’aristocrazia nell’Italia medievale”.