Quotidiani locali

Spettacoli, laboratori e novità con TiPi il teatro per la Bassa

TiPì, la stagione di teatro partecipato della Bassa modenese, torna a San Felice in maggio proponendo un’anticipazione primaverile: due spettacoli gratuiti.

SAN FELICE. TiPì, la stagione di teatro partecipato della Bassa modenese, torna a San Felice in maggio proponendo un’anticipazione primaverile: due spettacoli gratuiti, in attesa dell'autunno che vedrà svilupparsi la parte più corposa delle attività del progetto.

La stagione si comporrà di cinque appuntamenti, di cui due in scena a maggio presso l’auditorium comunale di San Felice. A dare l’avvio al cartellone sarà, domenica 6 maggio, alle 17, “Re Tutto Cancella”, spettacolo per bambini e famiglie di e con Marco Cantori per la compagnia Teatro Perdavvero, mentre il secondo appuntamento, venerdì 18 maggio, alle ore 21, segnerà invece il ritorno di Antonella Questa a San Felice. Dopo il successo della scorsa primavera con Svergognata, l'attrice proporrà quest'anno la sua pièce più celebre, “Stasera ovulo”, monologo sui problemi della maternità “over 35”, scritto da Carlotta Clerici, per la regia di Virginia Martini e la produzione LaQ-Prod.

Se con la sua prima edizione del 2016 TiPì - il cui nome si rifà alla tenda degli indiani pellerossa, il tepee appunto, e che come essa vuole essere casa per la comunità - aveva realizzato sei spettacoli in diversi comuni dell'Area Nord della provincia di Modena, quattro percorsi laboratoriali e uno spettacolo di teatro partecipato nato da questi ultimi, con questa seconda edizione si specificano le due anime del progetto: da una parte il percorso partecipato – per questa edizione dedicato ai temi della giustizia e della legalità – il quale manterrà un carattere territoriale con attività che, durante l'autunno, coinvolgeranno la quasi totalità dei comuni della Bassa; dall'altra la stagione teatrale, incentrata su San Felice.

A questo proposito, il progetto TiPì si è infatti aggiudicato la gara per la presentazione di proposte culturali pubblicata dal Comune in febbraio, diventando così, ufficialmente, la stagione teatrale di San Felice per l'anno 2018. La direzione artistica della stagione – nata per iniziativa del gruppo teatrale Bassa Manovalanza, che continuerà a coordinare le attività partecipate – passa quest'anno all'associazione Nahìa di Bologna – che da sempre di TiPì cura l'organizzazione – in collaborazione con Chiara Cantiello e Matteo Pederzoli, che da anni si occupano di percorsi teatrali sul territorio e già curatori della fortunata rassegna Primavera a teatro, tenutasi sempre a San Felice nel 2017.

Ma non solo: TiPì ha infatti aderito al bando L'Italia dei Visionari in collaborazione con altri otto importanti enti teatrali italiani. Il bando raccoglie proposte di spettacolo su tutto il territorio nazionale da parte di compagnie indipendenti di teatro contemporaneo. Le proposte vengono poi valutate da gruppi di spettatori locali, i Visionari appunto, che scelgono autonomamente il titolo

da inserire in stagione.

I Visionari della Bassa sono una cinquantina, persone di tutte le età che si stanno incontrando periodicamente per valutare le oltre duecento proposte pervenute: lo spettacolo da loro scelto farà parte della programmazione autunnale.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori