Quotidiani locali

Modena, l’epopea beat rivive alla Fiera

Domani concerto dei “Radio Luxembourg”. Con presentazione del nuovo cd

MODENA. Se quando ti racconti su Facebook dichiari che fai parte di “un complesso” vuol dire che per te i vent’anni sono passati da un pezzo. Ed è così che si raccontano sulla piattaforma di Mark Zuckerberg quelli di “The Radio Luxembourg”, gruppo musicale custode della beat generation e del suo sound, in concerto domani alla Fiera di Modena, nel giorno di apertura della 80° edizione. I musicisti si esibiranno a partire dalle 15 insieme a un big della canzone italiana: Paolo Mengoli e alle 17,30 presenteranno il nuovo cd intitolato “Eccoci qua “, un titolo che ricalca perfettamente lo spirito dei componenti, sei (ormai ex) ragazzi determinati a mantenere viva la memoria della colonna sonora degli anni ’60 e ’70.

Un progetto che ha convinto anche Radio Stella a collaborare alla realizzazione del concerto che da “Bandiera gialla” a “Vorrei la pelle nera” passerà in rassegna tutti i brani cult del periodo. “Radio Luxembourg è un complesso che rievoca le canzoni degli anni Sessanta – racconta il cantante, Alessandro Gibellini – e il nome si rifà alla radio che in quegli anni trasmetteva il beat. Era talmente rivoluzionaria – continua – che fu costretta a trasferirsi da Londra. Prima nel territorio del Lussemburgo e poi su una piccola nave a causa delle restrizioni del governo inglese che decretò quell’emittente radio pirata. Radio Luxembourg fu l’inizio di una nuova era”. Come nuovi corsari a bordo di una nave pirata che ancora solca l’onda sonora, lunga, del beat, i sei bucanieri, Gianni Salvatori alle chitarre, Giorgio Masi al basso, Alberto Girgenti alle tastiere, Gigi Bertolini alla batteria, Alessandro Gibellini, voce, con Danilo Bastoni alla regia, rievocano ancora quello che per tanto tempo è stato un tratto identitario della nostra città, costituito non solo dal messaggio musicale, ma da una dimensione culturale

articolata, che mescolava le note alle basette, alle collane, ai capelli lunghi, per gridare in faccia a tutti che da qualche parte c’era una zona franca ben distinta dal resto del mondo, quella dei giovani . (Ingresso gratuito. Info: 335.5633687).

Cristiana Minelli

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori