Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

“TiPì”, in cartellone “Stasera ovulo” di Antonella Questa

SAN FELICE. Fin dove può spingersi l’istinto materno di una donna che, passati i 35 anni, con una relazione stabile e felice e un lavoro gratificante, decide che è arrivato il momento di avere un...

SAN FELICE. Fin dove può spingersi l’istinto materno di una donna che, passati i 35 anni, con una relazione stabile e felice e un lavoro gratificante, decide che è arrivato il momento di avere un figlio? Questa la decisione alla base di “Stasera ovulo”, il monologo che, interpretato da Antonella Questa per la regia di Virginia Martini e il testo di Carlotta Clerici, andrà in scena questa sera alle 20.30 presso l’auditorium comunale di San Felice sul Panaro. Secondo appuntamento di TiPì, la r ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN FELICE. Fin dove può spingersi l’istinto materno di una donna che, passati i 35 anni, con una relazione stabile e felice e un lavoro gratificante, decide che è arrivato il momento di avere un figlio? Questa la decisione alla base di “Stasera ovulo”, il monologo che, interpretato da Antonella Questa per la regia di Virginia Martini e il testo di Carlotta Clerici, andrà in scena questa sera alle 20.30 presso l’auditorium comunale di San Felice sul Panaro. Secondo appuntamento di TiPì, la rassegna di teatro partecipato della Bassa modenese, la commedia, a ingresso gratuito, indaga le problematiche della maternità “over 35” e della sterilità femminile, rese quanto mai attuali dell’odierno stile di vita imposto dalla conbtemporaneità. Nello spettacolo, che al Premio Calandra 2009 si è aggiudicato quelli relativi al Miglior Spettacolo e Migliore Interprete, la protagonista giunge ad elaborare la risposta attraverso una strada tortuosa, fatta di tentativi e fallimenti, esami medici e cure pesanti, punteggiata dai consigli di parenti e amici così come da critiche più o meno velate. Sarà proprio questa consapevolezza, infine raggiunta, a regalare al pubblico un finale commovente e inaspettato. Lo spettacolo è a ingresso gratuito sino a esaurimento dei posti disponibili e per questo è consigliata la prenotazione a progetto.tp@gmail.com. La rassegna TiPì ha aderito al bando “L’Italia dei Visionari” in collaborazione con altri otto importanti enti teatrali italiani. Il bando raccoglie proposte di spettacolo su tutto il territorio nazionale da parte di compagnie indipendenti di teatro contemporaneo. Le proposte vengono poi valutate da gruppi di spettatori locali, i “Visionari” appunto che scelgono il titolo da inserire in stagione. I “Visionari” della Bassa sono una cinquantina.