Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena, sette giorni in versi con il Poesia Festival 2018

Presentata la quattordicesima edizione che si svolgerà dal 17 al 23 settembre. Tra gli ospiti Candiani, Magrelli, Scabia, Frabotta, Fois, Zhara, Concato, Branduardi

MODENA.  Quattordicesima edizione per il Poesia Festival, che torna dal 17 al 23 settembre come sempre nei comuni della provincia di Modena, facendo quest'anno anche tappa in città, con tre appuntamenti. Importanti nomi del panorama italiano e internazionale legati al mondo della poesia ma anche della musica, che alla poesia è strettamente legata. Tra gli ospiti Marcello Fois, Valerio Magrelli, Giuliano Scabia, Giovanna Vivinetto, ma anche intellettuali del calibro di Giulio Ferroni e Marzio ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA.  Quattordicesima edizione per il Poesia Festival, che torna dal 17 al 23 settembre come sempre nei comuni della provincia di Modena, facendo quest'anno anche tappa in città, con tre appuntamenti. Importanti nomi del panorama italiano e internazionale legati al mondo della poesia ma anche della musica, che alla poesia è strettamente legata. Tra gli ospiti Marcello Fois, Valerio Magrelli, Giuliano Scabia, Giovanna Vivinetto, ma anche intellettuali del calibro di Giulio Ferroni e Marzio Barbagli, e musicisti come Angelo Branduardi e Fabio Concato.

«La poesia è difficile, ed è probabilmente la forma espressiva più alta dell'ingegno umano. Soprattutto in un momento come questo in cui sentiamo parlare persone che farebbero meglio a tacere perché non sanno la lingua - ha commentato Valerio Massimo Manfredi, presidente della Fondazione di Vignola - L'Italia è una piccola virgola sul mappamondo, ma abbiamo illuminato il mondo intero con civiltà sfolgoranti, e ora siamo ridotti in condizioni deplorevoli, peggio ancora, pericolose. Allora possiamo salvarci con la poesia? Bè, sì, in un certo modo sì, perché la poesia fa funzionare il cervello al livello più alto, al livello corticale».



Una grande inaugurazione per il Poesia Festival mercoledì 19 settembre alle 21 al Teatro Fabbri di Vignola, con il poliedrico poeta e drammaturgo Giuliano Scabia; a seguire la lezione magistrale di Giulio Ferroni, uno dei massimi studiosi di letteratura contemporanea; chiuderà la serata l'atteso concerto di Angelo Branduardi. Di nuovo musica venerdì 21 settembre alle 21 presso il Centro Culturale di Marano Sul Panaro con Fabio Concato. Il 17 e 18 settembre si terranno due anteprime importanti, una dedicata al grande poeta cileno Pablo Neruda, lunedì 17 settembre, alle 21 a Castelnuovo presso il MUSA.



E se il sipario del festival si apre con Neruda si chiude domenica 23 settembre alle 16 a Spilamberto alla Rocca Rangoni con un appuntamento dedicato ad Arthur Rimbaud intitolato “Il poeta ragazzo”. Si inizia con il racconto di Valerio Magrelli, si prosegue con una lettura scenica di opere di Rimbaud a cura del gruppo di attori che da anni accompagna Claudio Longhi. A seguire un alternarsi di musica e poesia nel segno di Rimbaud con giovani poeti e giovani band, tra i quali l'artista performer di slam poetry Julian Zhara. «Pablo Neruda, Umberto Saba, Arthur Rimbaud, il premio Nobel irlandese Seamus Heaney, e ancora una dedica alla Romagna (21 settembre alle ore 21 al Teatro La Venere di Savignano sul Panaro), come terra di poeti, da Pascoli a Tonino Guerra a Raffaello Baldini a Marino Moretti, fino a Giovanni Nadiani - ha spiegato Roberto Alperoli, direttore del Poesia Festival - Parlando di poesia se noi ci dimentichiamo dei grandi poeti del passato facciamo un grande errore. La poesia è una riserva interminabile inesauribile inconsumabile di verità umane, e la poesia, soprattutto ci dice che serve un'alleanza tra i vivi e i morti, se vogliamo sconfiggere l'ignoranza contemporanea». Altro appuntamento da non perdere è l'incontro di sabato 22 settembre alle 18 alla Sala dei Contrari di Vignola, su “Il Sessantotto e la poesia”.



Da due edizioni si rinnova poi l'importante appuntamento “al femminile” con le autrici italiane di poesia: quest'anno, sabato 22 settembre a Castelnuovo Rangone presso la Sala delle Mura intorno alle ore 16, tocca a Chandra Livia Candiani,Bianca Maria Frabotta e Daniela Attanasio. Tanti altri appuntamenti arricchiranno le serate del Poesia Festival consultabili sul sito www.poesiafestival.it. Il poesia Festival è reso possibile grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, la Fondazione di Vignola, Unione Terre di Castelli, la Regione Emilia Romagna, il comune di Castelfranco Emilia e il Gruppo Hera, e altri sponsor. —