Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Quartetto Andaluso a Sestola Clown in libertà a Guiglia

Nella “perla del Cimone” la formazione di Andrea Candeli interpreta Garcia Lorca A Roccamalatina uno spettacolo comico della compagnia Teatro Necessario

SESTOLA e GUIGLIA

Doppio appuntamento questa sera, a Sestola e a Roccamalatina di Guiglia, con la rassegna estiva Artinscena. Protagonista dello spettacolo a Sestola (alle 21 in Piazza della Vittoria) sarà il Quartetto Andaluso, un gruppo che ripercorre le melodie andaluse in una produzione musicale che condensa le armonie tipiche del sud della Spagna con brani originali dando luogo ad una interessante fusione di ritmi, balli tradizionali e colori grazie all’intervento di flauto, percussioni, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SESTOLA e GUIGLIA

Doppio appuntamento questa sera, a Sestola e a Roccamalatina di Guiglia, con la rassegna estiva Artinscena. Protagonista dello spettacolo a Sestola (alle 21 in Piazza della Vittoria) sarà il Quartetto Andaluso, un gruppo che ripercorre le melodie andaluse in una produzione musicale che condensa le armonie tipiche del sud della Spagna con brani originali dando luogo ad una interessante fusione di ritmi, balli tradizionali e colori grazie all’intervento di flauto, percussioni, voce e baile. Il Quartetto Andaluso, ideato e coordinato dal chitarrista Andrea Candeli, è un itinerario musicale attraverso le canzoni e le composizioni poetiche di Federico Garcia Lorca.

La chitarra accompagnerà lo spettatore in un viaggio sentimentale, alla scoperta delle creazioni mitiche, come la gura del “gitano” e del “torero”, fuoriuscite dalla penna del poeta più sensibile. Sono arie dai forti colori locali intrise di tutte le varianti del dolore sempre dominato dall’amore e dalla morte, dove l’eterna domanda, tipicamente lorchiana, rimane sempre senza risposta. E’ una trasposizione artistica di quell’Andalusia gitana ricca di tradizioni folkloristiche culturali, fortemente dominate da colori e sentimenti, capaci di trasmettere emozioni tanto profonde nella loro semplicità primitiva. Il Quartetto Andaluso è formato da Andrea Candeli (chitarra), Corrado Ponchiroli (voce, ballo, palmas), Michele Serafini (flauto), Chiara Guerra (ballo, palmas).

Sempre alle 21, a Roccamalatina di Guiglia, si potrà assistere al teatro comico musicale “Clown in libertà” con il Teatro Necessario (di e con Leonardo Adorni, Jacopo Maria Bianchini, Alessandro Mori). Concerto continuamente interrotto dalle divagazioni comiche dei musicisti o spettacolo di clownerie ben supportato dalla musica. "Clown in libertà" è un momento di euforia, ricreazione e ritualità catartica per tre buffi, simpatici e ‘talentuosi’ clown che paiono colti da un’eccitazione infantile all’idea di avere una scena ed un pubblico a loro completa disposizione. Senza un racconto enunciato e senza alcuno scambio di battute, Clown in libertà racconta, dunque, il pomeriggio un po’ anomalo di tre clown che vogliono allestire uno spettacolo per divertire, stupire ed infine conquistare, abbracciare, baciare il pubblico di passanti. Cercando con ogni mezzo di sorprenderlo, a costo di prevaricarsi gli uni con gli altri, di farsi vicendevoli dispetti finiranno per causare, a volte, il deragliamento dell’azione. Ecco quindi sequenze di mano a mano, duelli al rallentatore, intricati passaggi di giocoleria rubandosi ripetutamente di mano gli attrezzi, e ancora evoluzioni e piramidi. La musica è la vera colonna portante dell’azione e dello sviluppo narrativo; accompagna, scandisce e ritma ogni segmento ed ogni azione. L’intero spettacolo risulta così come un grande, unico e continuo viaggio musicale che non si interrompe ‘quasi’ mai, nemmeno durante le acrobazie più impensabili. Del Teatro Necessario da ricordare anche altri spettacoli come “Nuova barberia Carloni”, “Téte à Tète” e “Piano suite”. —

N.C.