Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Storia di un “prete di tutti” Claudio Ruggerini racconta don Guicciardi

“Don Giovanni Guicciardi - Prete di tutti”. È questo il titolo del libro biografico di Claudio Ruggerini (Ed. Il Fiorino, p. 116) che parla di uno dei sacerdoti uccisi durante la seconda guerra...

“Don Giovanni Guicciardi - Prete di tutti”. È questo il titolo del libro biografico di Claudio Ruggerini (Ed. Il Fiorino, p. 116) che parla di uno dei sacerdoti uccisi durante la seconda guerra mondiale. Il volume ha, tra gli altri, il patrocinio del Comune e delle Parocchie di Lama Mocogno e Nonantola oltre che dell’Istituto Storico di Modena. “Come dimostra appieno questa pubblicazione - spiega Giuliano Albarani, presidente dell’Istituto per la Storia della Resistenza di Modena nella prese ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

“Don Giovanni Guicciardi - Prete di tutti”. È questo il titolo del libro biografico di Claudio Ruggerini (Ed. Il Fiorino, p. 116) che parla di uno dei sacerdoti uccisi durante la seconda guerra mondiale. Il volume ha, tra gli altri, il patrocinio del Comune e delle Parocchie di Lama Mocogno e Nonantola oltre che dell’Istituto Storico di Modena. “Come dimostra appieno questa pubblicazione - spiega Giuliano Albarani, presidente dell’Istituto per la Storia della Resistenza di Modena nella presentazione - il genere biografico rappresenta lo strumento più idoneo e propizio per evidenziale e illuminare due aspetti fondamentali della realtà della guerra: in primo luogo la necessità, per tutti coloro che sono toccati dal conflitto, di adottare strategie di adattamento, utili, anzi indispensabili, per continuare a esercitare il rispettivo ruolo e la propria specifica funzione all’interno della compagine sociale di appartenenza; in seconda battuta, la formazione di un reticolo di relazioni complesse che mettono in collegamento soggetti istituzionali e informali, legali e clandestini, tradizionali e nuovi, con un’accelerazione di processi di cambiamento e trasformazione che in tempo di pace implicherebbero tempi più dilatati e soluzioni meno traumatiche”. —

O.G.